Atalanta, salvezza da blindare strappando un punto alla Lazio

Atalanta, salvezza da blindare
strappando un punto alla Lazio

Continuare l’operazione-salvezza, ormai da rifinire soltanto, con il quarto pareggio consecutivo. È l’obiettivo dell’Atalanta che, dopo l’impresa all’Olimpico contro la Roma (1-1), il 2-2 casalingo soffertissimo contro l’Empoli (pareggio al 93’ di Denis) e il 2-2 di mercoledì a Cesena, che ha praticamente stroncato le velleità di rimonta dei romagnoli, deve vedersela domenica al Comunale di Bergamo contro la lanciatissima Lazio.

I biancocelesti stanno lottando contro la Roma per conquistare la seconda posizione, sono a +1 sui cugini, ma il loro calendario e molto più duro e dunque daranno il massimo per tentare di vincere a Bergamo. Mister Pioli è stato perentorio e pretende dai suoi giocatori 15 punti in 5 partite. La Lazio, che dopo otto vittorie di fila si è arresa alla Juventus, ha pareggiato in casa contro il Chievo mentre mercoledì ha surclassato per 4-0 il Parma, è da considerare favorita per la sua chiara supremazia tecnica: pur avendo Klose squalificato, Pioli sembra orientato a tenere in panchina Anderson lanciando il giovane Keita, unica punta supportato da un trio formato da Mauri, Lulic e Candreva.

Per l’Atalanta una bruttissima gatta da pelare, considerando anche che Reja dovrà gestire diverse situazioni delicate: ci sono Cigarini e Moralez non al 100%. Il primo dovrebbe sacrificarsi e giocare perché Baselli - il suo naturale sostituto - si è infortunato e dovrà dare forfait, mentre il secondo è probabile che si sieda in panchina. Per contrastare il 4-2-3-1 della Lazio, Reja - ex tecnico dei biancocelesti che conosce quasi a memoria - sta studiando varie contromosse. Vedremo se opterà per un 4-3-3, un 4-2-3-1 o se alla fine si affiderà al consueto 4-4-1-1. Di sicuro sarà difesa a 4, nella quale non ci sarà Benalouane squalificato.

Per sperare di non soccombere l’Atalanta dovrà azzerare le sbavature difensive, che sono riemerse in tutta la loro gravità nell’ultima settimana. In attacco invece si punta ancora su Pinilla e sulle sue prodezze. È lui il punto fermo di un reparto che si è finalmente sbloccato, anche se più per i capolavori dei singoli che per evidenti miglioramenti sul piano del gioco.

Nella 34ª giornata si disputano anche Cagliari-Parma e Fiorentina-Cesena. Match proibitivo per i romagnoli, anche se la Fiorentina è un po’ in crisi, mentre i sardi hanno l’ultimissima chance di mantenere accesa una fiammella di speranza contro un Parma già retrocesso. Ma l’Atalanta, a +8 sul tandem Cagliari-Cesena, può gestire il finale di campionato in una situazione di classifica ideale. Basterà andare avanti piano, addirittura pianissimo per centrare la salvezza.

I due probabili schieramenti

ATALANTA (4-3-3): 57 Sportiello; 13 Masiello, 2 Stendardo, 20 Biava, 93 Dramè; 17 Carmona, 21 Cigarini, 8 Migliaccio; 22 Zappacosta, 51 Pinilla, 10 Gomez. All. Reja.

LAZIO (4-2-3-1): 22 Marchetti; 8 Basta, 33 Mauricio, 2 Ciani, 26 Radu; 32 Cataldi, 16 Parolo; 87 Candreva, 6 Mauri, 19 Lulic; 14 Keita. All. Pioli.

Arbitro: Orsato di Schio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA