Atalanta, urgono gol e vittoria Spezza il digiuno contro il Parma

Atalanta, urgono gol e vittoria
Spezza il digiuno contro il Parma

Ripartire contro il Parma per tornare a far punti, possibilmente tre. Due settimane di allenamenti, di Nazionali e qualche infortunio di troppo, ma che non hanno abbattuto mister Colantuono nel tentativo di caricare la sua squadra.

Arriva il team emiliano (alle 15 al Comunale), la Serie A riprende e l’ Atalanta si trova a dover fare i conti con un periodo negativo, reduce da 4 ko consecutivi.

«Non deve diventare la partita che cambia la stagione - ha affermato Stefano Colantuono -. Non è che se vinciamo domani siamo salvi. Bisogna tornare a fare punti, le prestazioni le sappiamo fare, adesso dobbiamo rimpinguare la classifica per lavorare con più serenità. Il Parma è un po’ come noi: ha fatto prestazioni, ma mancano i risultati, siamo due squadre a cui manca qualcosa, noi segniamo poco e subiamo poco, mentre loro ne fanno e ne prendono. Ho buone sensazioni, la squadra non è mai stata in difficoltà: speriamo giri un po’ la fortuna. Io a rischio? Sono momenti che capitano, ci è capitato anche gli altri anni, ma non ci penso nemmeno: a breve torneremo a fare quello che abbiamo sempre fatto».

Il gioco c’è, i gol no e i nerazzurri si sono ritrovati a dover affrontare una pausa difficile, con un inedito via-vai da Zingonia dei giocatori impegnati nelle Nazionali, giovanili e non, sintomo questo che la qualità della squadra quest’anno è decisamente superiore, ma manca la materia prima, il gol. German Denis è ancora a secco, Bianchi ha pochi minuti nelle gambe, mentre Boakye è l’unico attaccante ad essere andato in rete. L’altro marcatore, a segno anche lui nella partita di Cagliari, è Marcelo Estigarribia, che sarà out 6 mesi dopo la rottura dei legamenti con la Nazionale paraguayana.

Due gol in sei partite sono un problema, con Denis ancora a quota 0, ma la questione non sembra infastidire il mister romano, che è convinto che il suo bomber tornerà quello di una volta. «Sono convinto che se avesse messo dentro il rigore con la Juventus si sarebbe sbloccato. Ha bisogno del gol, ma deve giocare con la squadra, che lo metterà nelle condizioni di tornare a fare gol, ma non deve essere un chiodo fisso, altrimenti non lo trova». Possibilità di ballottaggio tra il Tanque e Boakye, che ha recuperato dai piccoli guai fisici avvertiti a Genova.

Boakye è uno dei due giocatori nerazzurri (l’altro è Estigarribia, infortunato) ad aver segnato in questo campionato

Boakye è uno dei due giocatori nerazzurri (l’altro è Estigarribia, infortunato) ad aver segnato in questo campionato
(Foto by Magni Paolo Foto)

Sul cambio di modulo nessuna anticipazione in sala stampa, Maxi Moralez però potrebbe trovare spazio a sinistra come raramente ha fatto in maglia atalantina, ma come invece era solito fare in Argentina, in un 4-3-3. In caso il tecnico dovesse cambiare, l’Atalanta potrebbe giocare proprio così, con D’Alessandro a destra, Maxi a sinistra e uno tra Denis e Boakye al centro dell’attacco. Carmona-Cigarini-Baselli occuperebbero così i posti a centrocampo, mentre la difesa sarà ancora una volta la stessa, con Zappacosta, Biava, Benalouane e Dramè davanti a Sportiello.

Sul caso calcio scommesse la società Atalanta ha imposto il silenzio, con il pensiero nerazzurro arrivato dalle parole del presidente Antonio Percassi a L’Eco di Bergamo. Argomento pesante, che scalderà l’inverno nerazzurro: l’atmosfera calda se la augura la società al Comunale nel match con il Parma. Tornare a fare punti è il grido di battaglia del tecnico romano, anche per festeggiare a dovere il 107esimo compleanno della ninfa nerazzurra.

I due probabili schieramenti

ATALANTA (4-3-3): 57 Sportiello; 22 Zappacosta, 29 Benalouane, 20 Biava, 93 Dramè; 17 Carmona, 21 Cigarini, 16 Baselli; 11 Maxi Moralez, 19 Denis, 7 D’Alessandro. In panchina: 1 Avramov, 2 Stendardo, 3 Del Grosso, 33 Cherubin, 6 Bellini, 77 Raimondi, 8 Migliaccio, 25 Spinazzola, 31 Molina, 9 Bianchi, 99 Boakye. All. Colantuono.

PARMA (3-5-2): 83 Mirante, 4 Mendes, 19 Felipe, 6 Lucarelli; 33 Rispoli, 30 Acquah, 21 Lodi, 8 Mauri, 11 De Ceglie; 99 Cassano, 88 Coda. In panchina: 22 Iacobucci, 1 Cordaz, 27 Santacroce, 13 Ristovski, 33 Rispoli, 14 Galloppa, 70 Lucas Souza, 31 Mariga, 80 Jorquera, 5 Ghezzal, 18 Gobbi, 10 Belfodil. All. Donadoni.

Arbitro: Guida di Torre Annunziata.

Simone Masper


© RIPRODUZIONE RISERVATA