Superlega, Percassi: il calcio è dei tifosi. «Mai chiesta esclusione di Milan, Inter e Juve»
Luca Percassi, amministratore delegato dell’Atalanta

Superlega, Percassi: il calcio è dei tifosi. «Mai chiesta esclusione di Milan, Inter e Juve»

Il chiarimento di Luca Percassi, amministratore delegato dell’Atalanta, prima della conferenza stampa dell’allenatore Gian Piero Gasperini alla vigilia del match con la Roma.

«Il calcio è dei tifosi. Ma è una falsità assoluta che l’Atalanta abbia mai voluto chiedere l’esclusione dalla serie A delle tre italiane aderenti alla Superleague, che comunque si fonda su principi sbagliati». Luca Percassi, amministratore delegato dell’Atalanta, lo ha chiarito prima della conferenza stampa dell’allenatore Gian Piero Gasperini alla vigilia del match con la Roma nel primo pomeriggio di mercoledì 21 aprile.

«Milan, Inter e Juventus sono società importantissime per il calcio italiano. Noi, come società, abbiamo aderito fin da subito al comunicato dell’Uefa di domenica - ribadisce l’alto dirigente nerazzurro -. Errare è umano e i vari club stanno tornando sui loro passi. Già come consigliere di Lega mi ero espresso nella riunione straordinaria di domenica sera. Come Atalanta riteniamo di condividere le parole di lunedì di Aleksander Ceferin, il presidente Uefa: sosteniamo concetti meritocratici e solidali, ogni città deve essere rappresentata e tutte le componenti meritano rispetto, anche il Cagliari e il Benevento».

Percassi ritiene superato lo strappo: «Dallo scossone appena vissuto dobbiamo raccogliere opportunità dal punto di vista del calcio italiano. Il tema su cui insisto in assemblea e nei consigli di Lega è che si continua a non parlare di calcio: si parla solo di questioni come i fondi. Questa cosa non si vede e non si legge, ma noi abbiamo preso posizioni forti nei confronti delle politiche dell’attuale presidente di Lega anche sui fondi, di cui nessuno finora ha parlato e scritto in termini corretti».

«Siamo convinti che il calcio sia di tutti: qualunque modifica richiede processi lunghi e condivisione - chiude Percassi -. Secondo me Andrea Agnelli non si dimetterà: all’interno di un percorso ognuno è libero di comportarsi come crede. C’è bisogno dell’esperienza di tutti. Dopo quella famosa dichiarazione su di noi senza storia europea, chiamò mio padre Antonio scusandosi: voleva esprimere solo il concetto della necessità della stabilità finanziaria per i grandi club in caso di mancata qualificazione alle coppe, non sminuire noi».

E anche il tecnico nerazzurro dice la sua sulla Superlega. «Non è che la vicenda Superlega è passata senza toccarci. Le reazioni ci sono state e si sono viste». Gian Piero Gasperini, alla vigilia della sfida contro la Roma, commenta l’argomento caldo degli ultimi giorni.

«Lunedì sembrava tutto finito, un po’ di “sbarellamento” c’è stato – confessa il tecnico dell’Atalanta –. Oggi pensiamo al campionato, alla Roma: ci sono ancora più stimoli per cercare di continuare questo percorso». Battendo domenica la Juve, la Dea ha fatto un bel passo avanti verso la qualificazione in Champions ma Gasperini sa che non è ancora finita. «Tutte le partite che ci aspettano saranno difficili, gli scontri diretti valgono di più - ha aggiunto Gasperini - Quella contro la Roma sarà una partita impegnativa, la Roma la conosciamo benissimo tutti: è una squadra di assoluto valore».


© RIPRODUZIONE RISERVATA