Giovedì 02 Gennaio 2014

Yepes in attesa del Milan:

«Sfruttiamo i suoi blackout»

Il colombiano Mario Yepes

Anno nuovo Atalanta nuova. Aspettiamo la Befana per dire se il tabù trasferta sarà sfatato: sicuramente nuovi potrebbero essere gli attori in campo, con il neoacquisto Benalouane e il rientro del colombiano Mario Yepes.

Il sudamericano è pronto a tornare in campo proprio contro la sua ex squadra. «Sto meglio, in quest’ultima settimana mi sono allenato con la squadra, adesso vediamo come mi vedono il mister e lo staff. È la prima volta che mi capita un infortunio del genere a livello muscolare, è stato un po’ lungo, ma adesso spero di rientrare e contribuire a far punti fin da questa partita, se ne farò parte».

«Non ho ancora pensato al futuro, ma solo all’Atalanta e a tornare al più presto possibile per dare una mano alla squadra: ci sono questi 5 mesi per fare le cose bene qui e poi si penserà alla Nazionale, poi vedremo. Mi piacerebbe centrare 6 punti da qua a fine andata».

Il capitano della Colombia ha lasciato ricordi positivi a San Siro nei tre anni in cui ha vestito la maglia rossonera. «Sarà una partita speciale, lì ho lasciato tanti amici, non ho mai avuto modo di ringraziare la gente del Milan e lo faccio adesso solo perché sono uno che parla poco. Sarà bello ritrovare gente che si è comportata bene con me. È difficile parlare di una squadra vista solo da fuori e non sapendone le problematiche: il Milan è fatto per vincere tutte le competizioni che affronta e fa male vederlo in quella posizione, però è rimasta l’unica in Champions e speriamo che vada avanti. Questo è un campionato diverso, perché ci sono squadre che stanno facendo meglio dello scorso anno».

La classifica dice che il Milan ha solo un punto in più dell’Atalanta e di fatto si tratta di uno scontro salvezza: Yepes ricorda ai suoi compagni che nulla è impossibile, soprattutto contro una squadra che soffre in determinati momenti della partita. «Il Milan è sempre difficile da affrontare, ancora di più quando gioca in casa, poi adesso faranno mercato per fare un salto in classifica, noi dobbiamo preoccuparci di quello che hanno fatto fino adesso e provare a far punti sapendo dove colpire: alternano momenti in cui giocano bene ad altri di calo, noi dovremo sapere approfittare di questi cali. I favoriti restano loro, hanno giocatori con esperienza per superare questa situazione. Io gli toglierei Kaka, ma non dimentichiamo che Balotelli può far male in ogni momento della partita».

Simone Masper

© riproduzione riservata