Rapina anziana malata nella sua casa Arrestata una 42enne a Treviglio

Rapina anziana malata nella sua casa
Arrestata una 42enne a Treviglio

È sospettata di analoghi episodi che si sono verificati in zona Castel Cerreto

La Polizia di Stato di Treviglio ha arrestato una donna già indiziata di furti nelle case di anziani. L’arresto è scattato dopo una rapina ad una 82enne di Castel Cerreto che, sofferente di cuore e recentemente colpita da ischemia, stava riposando sul divano di casa. Ad un certo punto ha sentito un forte rumore alla porta d’ingresso che è stata sfondata: ha cercato di alzarsi dal divano ma è stata avvolta dall’aggressore in una coperta per renderla inoffensiva. Nel giro di pochi istanti è stata colpita da un malore e ha perso i sensi.

Angelo Lino Murtas

Angelo Lino Murtas

Il ladro ha così cominciato a smontare il televisore a schermo piatto, appena acquistato, in quanto recentemente la donna era già stata vittima di furti nella sua abitazione: le erano stati sottratti il computer della figlia e un televisore. Una volta ripresasi dal malore, l’anziana ha chiamato gli agenti del commissariato di Treviglio, guidato da Angelo Lino Murtas: i sospetti si sono subito concentrati su una 40enne già nota alle forze dell’ordine per precedenti furti, vicina di casa della rapinata e già sospettata di precedenti episodi in zona.

La donna non era però in casa. Gli agenti hanno così atteso il suo rientro, procedendo ad una perquisizione: dietro ad un mobile rotto è stato così ritrovato un televisore identico a quello rubato, cui la donna non è riuscita a dare spiegazioni sulla provenienza. Apparecchio che aveva la stessa matricola dei documenti in possesso della derubata. La donna è stata così arrestata per rapina: si tratta di una 42enne nata a Milano ma residente a Treviglio e già nota alle forze dell’ordine per precedenti furti. L’arresto risulta essere il primo in zona, in cui sono applicabili ben due nuove aggravanti della rapina (art. 628 punti 3 bis e 3 quinquies) : aver commesso la rapina introducendosi in un luogo di privata dimora, e averla commessa in danno di persona ultra 65enne.


© RIPRODUZIONE RISERVATA