Stadio, ecco la scritta 1907 I seggiolini della «Nord» firmati Persico
I seggiolini della Curva Nord con la scritta «1907»

Stadio, ecco la scritta 1907
I seggiolini della «Nord» firmati Persico

Siglata la partnership tra l’Atalanta e l’azienda di Nembro che ha realizzato gli stampi delle sedute. I lavori procedono spediti, tutto pronto per il 6 ottobre.

Mattone dopo mattone, il muro del tifo atalantino più caldo prende sempre più forma. È sempre più vicina alla conclusione la posa dei 9.136 seggiolini della nuova gradinata Nord del Gewiss Stadium, passo fondamentale per il completamento di un cantiere che procede spedito verso la prima partita casalinga dell’Atalanta con la rinnovata curva, in programma domenica 6 ottobre con il Lecce, con consegna dei lavori fissata a tre giorni prima. C’è ancora tempo, ma l’installazione delle nuove sedute è comunque già in fase avanzata, al punto che è ormai ben visibile la scritta «1907» (anno di fondazione della società nerazzurra) che caratterizzerà la Nord: bianca, su sfondo nerazzurro a degradare, la data per eccellenza nel cuore dei tifosi regalerà un colpo d’occhio importante in occasione di ogni gara, man mano che il pubblico riempirà gli spalti, con seggiolini reclinabili, che rimarranno quindi in posizione verticale fino a quando non saranno occupati. Una nuova casa del tifo atalantino dal cuore sempre più bergamasco, quindi, e non solo per scritte e colori, ma anche per la scelta di fornitori «a chilometro zero».

Dopo la Tenaris per le strutture metalliche, l’Italcementi per i calcestruzzi, la Isocell di Pognano per i prefabbricati e la Smv di Telgate per i lavori edili, un’altra eccellenza del manifatturiero bergamasco è stata coinvolta per la realizzazione della nuova Nord: è la Persico Group, che ha realizzato gli stampi dei nuovi seggiolini. Un lavoro che solo un’azienda leader mondiale del settore come quella di Nembro poteva realizzare nei tempi, rapidissimi, necessari per rispettare il cronoprogramma dei lavori.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo dell’11 settembre 2019.

© RIPRODUZIONE RISERVATA