Bergamo «organizza» il Natale
Crescono le aziende del settore

Cibi e feste in Lombardia: sono 8 mila le imprese che si occupano di «preparare» il Natale, +8% rispetto a 5 anni fa, con 15 mila gli addetti coinvolti. Prime Brescia, Pavia, Bergamo, Mantova. Crescono di più Cremona in un anno, Mantova, Milano Varese e Bergamo in cinque.

Bergamo «organizza» il Natale Crescono le aziende del settore

Natale in tavola elegante grazie alle candele in tavola per il 52% e agli alberi di Natale monocolore per il 43%, classico col panettone come simbolo per il 73%, con i tortellini in brodo per il 44%, alternativo con lasagne vegetariane per il 33%. È il quadro che emerge dall’indagine promossa dalla Camera commercio di Milano Monza Brianza Lodi in collaborazione con Confcommercio Milano, Bit, Homi e Tuttofood e realizzata da Digicamere, in prevalenza su Milano e Lombardia, che ha devoluto 1.000 euro a «Save the children».

In totale sono quasi 8 mila le imprese che si occupano di «organizzare» il Natale in Lombardia su 193 mila in Italia e danno lavoro a 15 mila addetti su 276 mila nazionali.Prime Brescia e Pavia con quasi duemila imprese, seguono Bergamo e Mantova con circa mille. Il maggior incremento in un anno a Cremona (+4,7%) e in cinque anni a Mantova (+19,6%), Milano, Varese e Bergamo (+15%).

Per gli alberi di Natale, sono 60 rispetto alle 53 dello scorso anno e alle 12 del 2014 le imprese specializzate per questo periodo dell’anno, di cui 17 a Milano e 12 a Como. Al centro dei festeggiamenti vini e spumanti, nel settore agricolo legato all’uva ci sono 2.956 imprese, di cui 1.426 a Pavia. Protagonista in tavola la frutta, che vede 512 imprese attive in regione rispetto alle 454 del 2018 e alle 230 del 2014, di cui 127 a Brescia e 102 a Bergamo, a cui si aggiungono 32 di agrumi e 8 di frutta tropicale. Sono poi 1.240 le imprese di ortaggi freschi regionali, in aumento rispetto alle 1.205 del 2018 e alle 980 del 2014.

Per ornare tavola e casa, 906 le attività che coltivano fiori e piante all’aria aperta, di cui oltre cento a Brescia, Como, Bergamo, Varese e Milano, 192 con fiori in colture protette (erano 177 nel 2018 e 150 nel 2014) di cui 63 a Brescia. Circa 1500 le imprese legate alle carni, che non mancano in tavola secondo le ricette tradizionali. In particolare i suini (577 attività rispetto alle 575 e 560 di uno e cinque anni fa), con lo zampone che sarà protagonista a Capodanno, sono più presenti nel Mantovano (174) mentre nel pollame prevale il Bresciano (207) e nei bovini la Bergamasca (118).

© RIPRODUZIONE RISERVATA