Chorus Life, concluse le attività di bonifica  Al via i lavori di scavo nell’ex Ote

Chorus Life, concluse le attività di bonifica
Al via i lavori di scavo nell’ex Ote

Prosegue secondo l’iter il percorso che porterà all’inaugurazione di Chorus Life Bergamo nel 2022.

Chiusi a fine novembre gli interventi di bonifica nell’area ex Ote, una delle aree dismesse più grandi della città di Bergamo (65mila metri quadrati), nelle prossime ore verranno rilasciati i primi permessi di costruire del futuro Chorus Life. Le autorizzazioni consentiranno le operazioni di scavo dell’intera area e la realizzazione delle prime opere edilizie: i lavori saranno svolti dal Gruppo CosTim e saranno realizzati dalle controllate Impresa Percassi, Elmet e Gualini.

La fase di bonifica ha interessato un’area di circa 10.000 mq, per 10 metri di profondità, per complessivi 90.000 metri cubi di materiale e una movimentazione di terra giornaliera di circa 600 metri cubi. Ora ha inizio la fase delle operazioni di scavo generale e delle opere di contenimento, per un volume complessivo di oltre 400.000 metri cubi di scavo – un volume equivalente a 160 piscine olimpioniche.

«Il lavoro di bonifica – spiega il sindaco Giorgio Gori – restituiscono già gli effetti positivi di questa trasformazione. Il cantiere è ormai pronto per realizzare opere che avranno, come sappiamo, conseguenze decisive per il futuro della nostra città. Il permesso di costruire che viene rilasciato per primo è quello del piccolo palazzetto comunale, che affiancherà la grande Arena da 6500 posti, vero e proprio volano di sviluppo dell’intera operazione. Stiamo anche lavorando per realizzare la bretella tra via Serassi e la circonvallazione, indispensabile per movimentare il terreno di scavo senza comportare disagi alla viabilità cittadina. La stessa bretella verrà poi utilizzata, a fine lavori, dalla cittadinanza come uscita in direzione Borgo Palazzo, diventando parte del piano di ridisegno complessivo della viabilità del rondò delle Valli».

«Il dialogo costruttivo instaurato con l’amministrazione comunale e i soggetti istituzionali coinvolti – aggiunge Domenico Bosatelli, presidente d Chorus Life – ha portato al rilascio dell’autorizzazione all’avvio delle attività di scavo sull’intera area, a seguito delle ingenti attività di bonifica. Confidiamo di proseguire la collaborazione con l’amministrazione e gli enti per ottenere a inizio 2020 il rilascio dei permessi di costruire che ci consentiranno di iniziare realizzazione del progetto Chorus Life Bergamo».

L’avanzamento del progetto sta procedendo nel rispetto degli iter concordati e secondo il cronoprogramma predefinito, con una previsione di inaugurazione dell’intera struttura per l’8 aprile 2022. «Quello che nascerà è molto più di uno spazio architettonico, è una visione di città che favorisce le condizioni per una qualità della vita migliore, basata sul benessere della persona integrata nella società. Chorus Life Bergamo è un esempio concreto di collaborazione fra imprenditoria privata e pubblica amministrazione, un nuovo modello immobiliare di rigenerazione urbana che restituisce alla cittadinanza residenze, servizi e spazi pubblici, in un’area precedentemente dismessa» conclude Bosatelli.


© RIPRODUZIONE RISERVATA