Coronavirus, 800 controlli a Malpensa «In Lombardia la macchina è pronta»

Coronavirus, 800 controlli a Malpensa
«In Lombardia la macchina è pronta»

L’assessore al Welfare Gallera conferma: 21 casi analizzati negli ospedali della regione per persone che si sono presentate spontaneamente». Tutti negativi.

Al momento la regione Lombardia non ha ricevuto alcuna indicazione dal ministero della Salute circa i due turisti cinesi ricoverati all’istituto Spallanzani a Roma e atterrati a Milano il 23 gennaio. Ma, come assicura l’assessore lombardo al Welfare, Giulio Gallera, «il sistema regionale è solido e strutturato e sta dando una grande prova».

In casi come questi, si apprende dal Sacco, si seguono le disposizioni contenute nella circolare del ministero della Salute, che recepisce le indicazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità, sui controlli da fare e l’eventuale circolazione del virus. Fino al 29 gennaio i controlli fatti all’aeroporto di Malpensa sono stati 800, mentre 21 sono i casi analizzati negli ospedali della regione, per persone che si sono presentate spontaneamente. «Il sistema sta funzionando perfettamente – continua Gallera –. Per ora ci sono tanti casi che stiamo verificando, tutti negativi e gestiti con la massima accuratezza. Possiamo contare su 14 ospedali con reparti per malati infettivi, e tre laboratori a Pavia, all’ospedale Sacco e alla Statale di Milano».


© RIPRODUZIONE RISERVATA