Cortometraggi e documentari, aperte le iscrizioni all’Integrazione Film Festival

Cortometraggi e documentari, aperte le iscrizioni all’Integrazione Film Festival

Aperte le iscrizioni alla 16esima edizione del festival cinematografico internazionale dedicato a integrazione, inclusione, identità e intercultura
Cortometraggi di fiction e documentari vanno iscritti entro martedì 15 febbraio 2022.

Sono aperte le iscrizioni all’edizione 2022 di IFF - Integrazione Film Festival, il festival cinematografico internazionale dedicato a integrazione, identità, inclusione e intercultura. La 16esima edizione si svolgerà a Bergamo e Sarnico da martedì 10 a sabato 14 maggio 2022.

I registi hanno tempo fino a martedì 15 febbraio per iscrivere i propri film: cortometraggi di fiction e documentari che raccontino esperienze di integrazione possibile tra persone di diversa appartenenza culturale o provenienza nazionale.

Integrazione Film Festival torna, dunque, e lo fa con gioia perché sarà possibile far entrare finalmente il pubblico al cinema in tutta sicurezza, dopo un’edizione 2021 che si è svolta interamente on line ed è stata seguita da più di 4mila spettatori, collegati in diretta sia dall’Italia che da diversi altri paesi del mondo. C’è anche un’importante novità che riguarda il luogo delle proiezioni: si svolgeranno nella nuova sala cinematografica Lo Schermo Bianco di via Daste e Spalenga a Bergamo, e nella stessa struttura si svolgeranno gli eventi collaterali (incontri, workshop, musica, mostre). Come sempre saranno previsti eventi anche a Sarnico, località dove il Festival è nato.

È comunque prevista anche una versione on line di IFF, per chi vorrà seguire il Festival a distanza: i film in programma saranno disponibili per la visione on demand durante lo svolgimento della manifestazione, di cui alcuni momenti saranno comunque trasmessi anche in diretta streaming.

soraya milla - foto roberto giussani iff integrazione film festival 2021

soraya milla - foto roberto giussani iff integrazione film festival 2021

Alle sezioni di concorso sono quest’anno ammesse opere terminate dopo l’1 gennaio 2019, produzioni di qualsiasi paese; i cortometraggi non devono superare i 20 minuti di durata, i documentari i 52 minuti. Possono partecipare film già ammessi ad altri festival italiani e internazionali, non verranno invece accettati lavori che abbiano già partecipato a IFF. I film vincitori per le due categorie principali vinceranno un premio di 1000 euro ciascuno; una sezione speciale è dedicata ai lavori realizzati da istituti scolastici o singole classi (premio 250 euro). L’iscrizione alla selezione deve avvenire attraverso la piattaforma filmfreeway.com al costo simbolico di 3 euro.

Spiega Giancarlo Domenghini, Direttore di IFF: «Non vediamo l’ora di intercettare nuove opere. Anno dopo anno il nostro Festival sta diventando sempre più internazionale ed è davvero interessante vedere come le produzioni di diversi paesi sanno raccontare i temi a cui è dedicato IFF. Le ultime edizioni ci hanno dimostrato, se ancora ce n’era bisogno, che il linguaggio del cinema può raccontare l’integrazione e le trasformazioni della società in modo diretto e accessibile: per questo continuiamo a credere nel nostro lavoro e siamo pronti ad accogliere con entusiasmo i lavori che registi e registe di ogni provenienza vorranno proporci».


© RIPRODUZIONE RISERVATA