Green, veloce e low cost - guarda i video Tutte le info sulla cabinovia da Orio
La cabinovia alla stazione

Green, veloce e low cost - guarda i video Tutte le info sulla cabinovia da Orio

Vista panoramica su Città alta, in soli 12 minuti e al costo di un biglietto dell’autobus, intorno ai 2 euro.

È il «Bergamo Sky Express», il progetto presentato da due giovani di Forza Italia, Stefano Benigni, consigliere comunale, e Jonathan Lobati, consigliere provinciale. Di tasca loro hanno chiesto a dei professionisti di stendere un primo progetto per una cabinovia che porterebbe i turisti direttamente dall’aeroporto (prevista una stazione sopraelevata nell’area arrivi) alla stazione dei treni di Bergamo.

La cabinovia sopra lo scalo merci

La cabinovia sopra lo scalo merci

L’infrastruttura, del costo di 45 milioni di euro e che si realizzerebbe tra i 12 e 18 mesi, prevede una fermata al parcheggio a servizio dell’aeroporto, a Campagnola (dove eventualmente creare una seconda linea diretta al polo fieristico) e in via Gavazzeni, vicino al campus scolastico di via Europa, aprendo così la possibilità di utilizzo anche agli studenti che ogni giorno sono attraversano il sottopasso alla stazione.

I progettisti hanno individuato due soluzioni tecniche per bypassare l’ostacolo più grande che si frappone alla realizzazione della cabinovia, cioè il passaggio vicino all’aeroporto (nel video questo tratto di 350 metri è segnalato da un cono rosso): il sorvolo a soli 4 metri di quota o l’interramento della struttura. Il Bergamo Sky Express è composto da cabine da 10 persone che passano ogni 20 secondi (la portata quotidiana potenziale è stata calcolata in 15mila persone).

La stazione di partenza all’aeroporto

La stazione di partenza all’aeroporto

Un’opera a impatto ambientale pari a zero (la trazione è elettrica) che si ispira alla cabinovia «Emirates» di Londra con cabine dotate di pannello solare, impianto di riscaldamento, raffrescamento, videosorveglianza e accesso ai disabili. Il progetto sarà sottoposto a Comune e Provincia di Bergamo, Regione Lombardia e Sacbo.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 31 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA