«Era un uomo libero e molto attivo» Calcinate piange Beppe Capoferri
Beppe Capoferri

«Era un uomo libero e molto attivo»
Calcinate piange Beppe Capoferri

Molto conosciuto in paese, Beppe era noto soprattutto per essere un lavoratore integerrimo e instancabile.

Se ne è andato martedì 29 ottobre, a 67 anni, dopo aver combattuto contro un male che non gli ha lasciato scampo Giuseppe Capoferri, l’imprenditore agricolo e vicepresidente onorario della sezione calcinatese dell’Associazione nazionale dei carabinieri. Molto conosciuto in paese, Beppe era noto soprattutto per essere un lavoratore integerrimo e instancabile.

Oltre all’amore per la sua famiglia, Giuseppe nutriva una passione smisurata per la divisa da carabiniere che non perdeva mai occasione di sfoggiare in occasioni pubbliche e che aveva indossato per la prima volta durante l’esperienza militare. Oltre alla moglie Lory, lascia le figlie Rossana e Anita e i nipoti Simone, Dante, Irene, Mia ed Eva. A stringersi intorno ai famigliari anche l’associazione di cui era vicepresidente.

Anche il sindaco di Calcinate e presidente della Provincia Gianfranco Gafforelli ha voluto ricordare Capoferri al quale era legato da una lunga amicizia: «Era un uomo libero. Beppe era molto attivo in paese attraverso l’Associazione nazionale dei carabinieri, oltre che particolarmente partecipe anche sotto l’aspetto politico, pur non ricoprendo alcuna carica».


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 31 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA