Meno furti, rapine e truffe nel 2019 I dati dell’anno della polizia di Bergamo
Alla conferenza stampa in Questura a Bergamo, sabato 4 gennaio

Meno furti, rapine e truffe nel 2019
I dati dell’anno della polizia di Bergamo

Meno furti, rapine e truffe. Nel 2019 sono scese le denunce sia in città e in provincia, secondo quanto raccolto dalla Questura di Bergamo che sabato mattina 4 gennaio ha presentato il report riassuntivo dell’anno appena terminato.

Nel 2019 i furti a Bergamo sono stati 1.156 contro i 1.616 del 2018, in provincia 15.912 contro i 20.814 dell’anno precedente. Calate anche le rapine, in città del 30% e in provincia del 19,8%. Le truffe sono diminuite del 40% in città e del 9,8% in provincia. Diminuiti anche gli arresti: 81 contro i 90 del 2018, mentre le denunce sono passate da 555 del 2018 a 614 del 2019. Sono aumentati invece i controlli: 19.993 nel 2019 contro gli 11.551 del 2018.

Crescono gli esercizi pubblici verificati: 194 contro i 91 del 2018 per un totale di 17.826 interventi nel 2019 mentre nel 2018 sono stati 13.840.

È aumentato anche il lavoro della polizia ferroviaria: 1.615 le pattuglie impiegate (1.223 nel 2018): nello specifico sono state 989 a bordo dei treni (728 nel 2018). Sono state inoltre 11.396 le persone identificate (6.810), 5 gli arresti effettuati (5) e 299 i denunciati (207).

Più controlli anche nella zona della stazione di Bergamo: 401 gli equipaggi intervenuti nel 2019 contro i 314 del 2018. Significativi i dati della divisione Anticrimine con un incremento del 140% degli ammonimenti, del 30% degli esposti.

Crescono le denunce e le indagini della Polizia postale
: 100 contro 55 le prime, 448 contro le 255 del 2018 le seconde.

Significativi i dati anche dell’attività della Squadra Mobile con 109 arresti nel 2019 (68 nel 2018) e oltre 40 chili di droga sequestrata: 1 chilo e mezzo di hashish e marijuana (28,72 kg nel 2018) e 41,714 kg di cocaina (818,52 grammi nel 2018).


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de «L’Eco di Bergamo» di domenica 5 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA