Patenti, caos per le foto  Vietato sorridere, ecco le regole d’oro

Patenti, caos per le foto

Vietato sorridere, ecco le regole d’oro

Norme ferree dal ministero: le immagini devono essere leggibili dallo scanner da poco adottato. Il rischio è che il sistema le rifiuti e si debbano rifare.

Dimenticatevi il «Mi faccia un bel sorriso» o il classico «cheese»: per avere un’istantanea che finisca sulla patente, non basterà rispettare queste due semplici e storiche regole della fototessera. Ora le prescrizioni sono salite a 25 e vanno dall’inquadratura alla posizione, dall’esposizione alla messa a fuoco, dal contrasto alla luminosità. Lo ha stabilito il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, nello specifico la Direzione generale per la motorizzazione del Dipartimento per i trasporti, la navigazione, gli affari generali e il personale, che nei giorni scorsi ha inoltrato a tutti i soggetti che si occupano dell’emissione e del rinnovo delle patenti, il vademecum della fotografia: disposizioni rigide che si sono rese necessarie dall’introduzione di un nuovissimo scanner e dalle nuove procedure adottate da due anni.

A differenza del passato, a ogni emissione, ma soprattutto a ogni rinnovo verrà emessa una nuova patente con tanto di fotografia che non potrà essere più vecchia di sei mesi. Ecco dunque che per non incorrere in questo pericolo è necessario produrre una foto che deve misurare 40-45 millimetri di altezza per 32-35 millimetri di larghezza e che dovrà essere stampata su carta di alta qualità opaca e in alta risoluzione. Lo sfondo deve essere uniforme, di preferenza grigio chiaro crema o celeste, oppure bianco. Fin qui tutto bene, ma per proseguire serviranno squadra, compasso e goniometro: «La foto deve mostrare interamente la testa e la sommità delle spalle, in modo che l’altezza della testa sia il 60%-90% dell’altezza della foto. In questo modo si ottiene una foto ben centrata, che non risulta né troppo vicina né troppo lontana». Per saperne di più


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 11 novembre
journalist_account_110
Elisa Riva Cronista da sempre, esperta in comunicazione d’impresa

© RIPRODUZIONE RISERVATA