Riparte la corsa ai bonus fiscali Lavori, mobili e verde: tutte le info

Riparte la corsa ai bonus fiscali
Lavori, mobili e verde: tutte le info

Anche per il 2019 sono stati prorogati i bonus fiscali per chi ristruttura casa. Ecco tutte le informazioni aggiornate per chi vuole sfruttare le detrazioni.

Nessun governo le toglie e un motivo c’è: le detrazioni fiscali per chi ristruttura casa sono tra le misure fiscali più apprezzate dagli italiani. Migliaia di persone, anche in provincia di Bergamo, negli ultimi anni ha usufruito degli sgravi per lavori di manutenzione straordinaria e per l’acquisto di mobili. Il meccanismo è molto semplice. In sintesi estrema: dopo avere ottenuto tutte le autorizzazioni da parte del Comune, basta pagare con un bonifico tracciato e lo Stato restituirà la metà delle spese sostenute in dieci rate nei successivi dieci anni.

La legge di Bilancio approvata negli ultimi giorni del 2018 ha confermato in toto le regole e percentuali di detrazione previste negli ultimi dodici mesi.

Il 50% vale per le ristrutturazioni e per il contestuale rinnovo di arredi, mentre il 36% per la riqualificazione di giardini. Lo sgravio si applica su una spesa massima di 96mila euro per unità immobiliare. Con la manutenzione straordinaria si può agganciare anche il bonus mobili con una detrazione sulla spesa massima di 10 mila euro valido anche per i grandi elettrodomestici. Per “manutenzione straordinaria” non si intendono le piccole opere come solo una tinteggiatura o l’installazione di grate alle finestre. Deve esserci un intervento impattante per la casa, tale per cui venga riconosciuta la “straordinarietà” da parte dell’ufficio tecnico comunale. Il bonus verde invece consente di recuperare il 36% delle spese per «sistemazione a verde» di aree scoperte private quali balconi, cortili e giardini. Uno sconto che si calcola su massimo 5mila euro per unità immobiliare, compresi i costi di progettazione e manutenzione.

VIDEO

Sono agevolati anche gli interventi di riqualificazione energetica globale e sulle coperture, la sostituzione degli infissi e degli impianti di riscaldamento, l’installazione di solare termico. Lo sconto (Irpef e Ires), ripartito in dieci anni, è pari al 65%; ma al 50% per finestre, schermature, caldaie a condensazione e a biomassa. Si applica fino al 31 dicembre 2019 (31 dicembre 2021 in condominio). Per alcuni lavori condominiali sugli involucri il bonus arriva al 70 o 75% ed è sempre necessario il bonifico “parlante” oltre all’invio delle autorizzazioni all’Enea entro 90 giorni.

Ecco la guida completa pubblicata dall’Agenzia delle Entrate


© RIPRODUZIONE RISERVATA