Stazione, anche i bus fanno i furbetti Ed è boom di tassisti abusivi - Foto

Stazione, anche i bus fanno i furbetti
Ed è boom di tassisti abusivi - Foto

La stazione degli autobus di Bergamo non è solo un porto di mare, spesso è anche «porto franco». Tra le decine di veicoli che ogni ora arrivano e partono, ci sono mezzi che, nonostante la stazza, restano nel «sommerso», quanto meno dal punto di vista contributivo.

Bestioni della strada che operano sulle lunghe distanze, lungo tragitti nazionali e internazionali, che una volta giunti a Bergamo «dimenticano», per così dire, di corrispondere il canone di utilizzo della stazione, importo raccolto da Atm Mobilità per coprire i costi di gestione e manutenzione. Un’evasione non è dato sapere se consapevole o meno: «Fenomeno comunque contenuto e monitorato», come evidenzia il direttore generale di Atb Gianni Scarfone. La stazione Autolinee è utilizzata anche da pullman che coprono le medie e lunghe tratte: «Ci sono degli autobus turistici o che effettuano servizi di collegamento nazionale e internazionale – prosegue ancora il direttore generale di Atb - che utilizzano il viale degli arrivi per scaricare i passeggeri o caricarli. Su questi mezzi periodicamente il nostro staff effettua dei controlli specifici».

E la piaga degli abusivi c’è anche tra i tassisti alla stazione. In tanti sanno della presenza degli irregolari. Anche se pizzicarli non è facile. Chiedere alla persona seduta al posto di guida del taxi abusivo cosa faccia lì, vuol dire trovarsi di fronte a risposte volutamente vaghe. Anche se gli si fa soltanto notare che lì la sua auto non potrebbe stare.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 21 novembre 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA