Gori, su «L’Eco»  i punti del programma Stucchi punta su sicurezza e ambiente
Giacomo Stucchi, Carlo Vimercati della Fondazione Comunità Bergamasca e il sindaco uscente Giorgio Gori durante il faccia a faccia di martedì (Foto by Bedolis)

Gori, su «L’Eco» i punti del programma
Stucchi punta su sicurezza e ambiente

«Sempre più Bergamo», il programma con cui il sindaco Giorgio Gori si presenta alle prossime elezioni, si fonda su 85 punti che spaziano dalle grandi opere allo sport passando da commercio, sicurezza, innovazione, sostenibilità ambientale e tanto altro.

La vera grande opera, secondo le intenzioni del primo cittadino, sarà tutto tranne che visibile: è la costruzione di nuove relazioni sociali nei quartieri attraverso progetti che travalicano tutti i temi del programma. «Quartieri» è la parola più ricorrente, un’impostazione figlia del lungo peregrinare del sindaco che negli ultimi due mesi, prima con i caffè e poi con gli appuntamenti insieme agli assessori, ha visitato ogni angolo della città e soprattutto parlato con migliaia di persone. «C’è un tema di frammentazione del corpo sociale che a Bergamo si avverte meno che altrove perché qui ci sono tante cose che tengono insieme la città - spiega illustrando i principali punti del programma pochi secondi dopo la prima stampa ufficiale -. Una città che vuole essere aperta, internazionale e accogliente deve provare a costruire attorno ai suoi cittadini delle reti. Per qualcuno sono reti di sicurezza, per altri sono reti di relazione. Questa è l’idea forte che attraversa tutto il programma.

Giacomo Stucchi, che presenterà i suoi obiettivi tra qualche giorno, ha risposto alle idee dell’avversario durante il faccia a faccia organizzato dalla Fondazione Comunità Bergamasca: «Sicurezza, traffico e ambiente: qui servono idee e coraggio. La questione dell’ambiente non è risolvibile a livello locale, ma il Comune può comunque fare molto. La questione dell’ambiente non è risolvibile a livello locale, ma il Comune può comunque fare molto. Bisogna convincere le famiglie che esistono alternative all’auto inquinante: penso al car sharing elettrico, una delle strade che va percorsa. Sull’ambiente, penso che una delle prime cose da fare è assoggettare alla “valutazione di impatto ambientale” l’intervento del parcheggio della Fara. Non averlo fatto prima è grave».

IL SONDAGGIO DI ECO.BERGAMO

Il 26 maggio si vota per rinnovare 169 amministrazioni comunali della Bergamasca. e per le elezioni europee. Greta Thunberg ha mobilitato, venerdì 15 marzo, gli studenti di tutto il mondo, che sono scesi in piazza per manifestare per l’ambiente, per il clima e per il pianeta.

Partecipa anche tu al sondaggio che la rivista «eco.bergamo» propone con un questionario anonimo. Facci sapere quanto ti impegni personalmente per la salvaguardia dell’ambiente, quanto ti ritieni soddisfatto dell’operato del tuo Comune

I risultati saranno pubblicati sul numero di «eco.bergamo» in edicola il 12 maggio.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0,99 euro la copia digitale de «L’Eco di Bergamo» del 24 aprile 2019

© RIPRODUZIONE RISERVATA