Zakaria, il dolore della comunità «Siamo tutti vicini alla famiglia»

Zakaria, il dolore della comunità
«Siamo tutti vicini alla famiglia»

C’è tristezza a Torre Boldone per la morte del piccolo Zakaria. La notizia si è diffusa sabato 7 dicembre in paese suscitando commozione e un senso di vicinanza nei confronti della famiglia.

«Non possiamo che essere vicini nella preghiera e nel ricordo ai familiari di questo bambino – sono le parole del parroco di Torre Boldone, monsignor Leone Lussana –. La nostra comunità, sempre attenta e partecipe rispetto ai temi dell’accoglienza e dell’integrazione, è al fianco di questa famiglia in un momento di grande sofferenza».

Anche il sindaco Luca Macario si fa carico delle condoglianze, di fronte al dramma che ha colpito il paese. La famiglia è di religione musulmana e l’intenzione dei genitori è quella, una volta riavuta la salma dopo l’esame autoptico di domattina, di far trasportare il corpicino del bimbo di cinque mesi in Senegal per l’ultimo saluto e il seppellimento.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo dell’8 dicembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA