Violenze  su donne e minori Quattro stranieri espulsi a Bergamo

Violenze su donne e minori
Quattro stranieri espulsi a Bergamo

I dati dell’Ufficio Immigrazione: accompagnati alla frontiera per la loro pericolosità sociale.

Quattro cittadini stranieri con numerosi precedenti penali e di polizia e condanne per reati commessi che destano maggiore allarme sociale, come violenze sessuali a danni di donne e minori e maltrattamenti in famiglia, sono stati accompagnati alla frontiera dalla Polizia di Stato di Bergamo. Accanto alla ordinaria e pressante impegno amministrativo procede infatti incessante l’attività dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Bergamo di contrasto alla presenza irregolare sul territorio nazionale di cittadini stranieri pericolosi.

Mercoledì 27 novembre è stato accompagnato alla frontiera di cittadino‏ straniero‏ S. A. nato in India nel 1992 in esecuzione del provvedimento di espulsione emesso dal Prefetto. A suo carico una condanna a sette anni di reclusione per violenza sessuale ai danni di minore a seguito della quale la richiesta di permesso di soggiorno è stata rigettata dal Questore di Bergamo.

Mercoledì 28 novembre è stato accompagnato alla frontiera il cittadino‏ marocchino L.B. nato in Marocco nel 1980 in esecuzione del provvedimento di espulsione adottato dal Prefetto. A suo carico precedenti di polizia per violenza sessuale, atti osceni compiuti anche in prossimità di minori, resistenza a pubblico ufficiale, molestia alle persone. Il cittadino straniero è stato identificato dalle competenti autorità del Marocco grazie alle procedure avviate dall’Ufficio Immigrazione di Bergamo. Lo stesso risultava gravato da due precedenti espulsioni con ordine a lasciare il territorio nazionale emessi dal Questore di Trento ai quali lo stesso non aveva ottemperato. Il cittadino straniero è stato rintracciato dalla Polizia locale di Romano di Lombardia mentre si aggirava con fare molesto seguendo una ragazza, accompagnato all’Ufficio Immigrazione per l’esecuzione dell’espulsione, resa possibile grazie alla precedente attività di identificazione.

Sempre giovedì è stato accompagnato alla frontiera il cittadino‏ marocchino A.J.nato in Marocco nel 1976 in esecuzione del provvedimento di espulsione disposto dall’Ufficio di Sorveglianza. A suo carico condanne per detenzione e cessione illecita di sostanze stupefacenti e porto d’armi, nonché una condanna ad anni 2 e mesi 6 di reclusione per maltrattamenti in famiglia commessi dal 2015 al 2018 mediante reiterate offese, percosse ed atti di vessazione psicologica ai danni della moglie cittadina italiana anche in presenza dei figli minori. Il Questore di Bergamo ha adottato il provvedimento di rigetto della richiesta di permesso di soggiorno ed avviato le procedure per l’espulsione d’intesa con l’Autorità Giudiziaria e il Tribunale per i Minorenni.

Infine nella giornata di venerdì 29 novembre verrà accompagnato alla frontiera il cittadino‏ marocchino S.A. nato in Marocco nel 1984 in esecuzione del provvedimento di espulsione adottato dal Prefetto. A suo carico condanne per truffa, furto aggravato e numerosi precedenti di polizia per truffa, rapina aggravata, maltrattamenti in famiglia e ricettazione, in considerazione dei quali il Questore di Bergamo ha emesso il provvedimento di rigetto della richiesta di permesso di soggiorno. Il cittadino straniero è stato rintracciato dalla Stazione Carabinieri di Dalmine a seguito di denuncia per furto di energia elettrica e accompagnato all’Ufficio Immigrazione per l’esecuzione dell’espulsione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA