Giovedì 04 Novembre 2010

«Energia della Bellezza»
Continua la mostra in Gavazzeni

«Energia della Bellezza» è uno straordinario racconto per immagini che si può ammirare lungo le pareti colorate della Radioterapia di Humanitas Gavazzeni fino al 31 dicembre. Cento disegni che rappresentano animali di piccole e grandi dimensioni, frutto della creatività di 30 piccoli maestri: i bambini e i ragazzi dell'Atelier dell'Errore, laboratorio pedagogico espressivo per la Neuropsichiatria infantile AUSL di Reggio Emilia, un'esperienza unica in Italia condotta da Luca Santiago Mora.

La mostra, realizzata da Humanitas Gavazzeni in collaborazione con la Fondazione Humanitas, si snoda negli spazi della Radioterapia dell'ospedale e può essere visitata fino a fine dicembre dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 17, il sabato e la domenica dalle ore 15 alle ore 19. L'ingresso è libero. Sono inoltre previste anche alcune visite guidate, gratuite, a cura di Luca Santiago Mora: sabato 6 novembre e sabato 27 novembre alle ore 16; sabato 11 dicembre e sabato 18 dicembre sempre alle ore 16.

L'ampliamento degli orari di apertura è legato al successo dell'iniziativa che ha avuto un'anteprima all'interno di BergamoScienza 2010, e quindi alla richiesta del pubblico di poter conoscere l'originalità di questo progetto culturale ed artistico. «Le sale di attesa, i corridoi, gli spazi della Radioterapia sono già architettonicamente belli – dice Giorgio Ferrari, Direttore Generale di Humanitas Gavazzeni – ma abbiamo pensato che potessero esserlo ancor più se arricchiti di segni di energia creativa. I luoghi vivono delle emozioni delle persone che li frequentano; ci auguriamo che questi fantastici animali possano contribuire ad allentare le tensioni, le ansie, le paure di coloro che qui arrivano per sfidare la malattia».

«L'obiettivo principale di questo progetto è quello di offrire un ancoraggio visivo a tutti coloro che vivono per sé o per i propri familiari quello speciale stato di inquietudine e disorientamento che fa abbassare gli occhi sulle proprie paure – spiega Bianca Tosatti, curatrice della mostra -. I disegni agiscono come un dispositivo che richiama lo sguardo. Lo sguardo richiamato fa alzare gli occhi verso le opere e insieme verso la vita, che non si stanca di spalancarci l'immensità del mondo dell'interiorità e dell'immaginazione».

La mostra è corredata da un ricco catalogo e da una video installazione in cui i piccoli maestri salgono in cattedra e spiegano al pubblico l'etologia fantastica a cui si riferiscono gli animali dell'Atelier

Previste anche delle visite guidate: sabato 6 novembre e sabato 27 novembre, ore 16; sabato 11 dicembre e sabato 18 dicembre, ore 16. Non è necessaria la prenotazione. Ingresso e visite guidate gratuite.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata