Lunedì 17 Ottobre 2011

Sos Tata anche a Bergamo
Al via il casting per le selezioni

Dettano legge, tra capricci, continui battibecchi, anche solo per riordinare la cameretta in cui vige spesso e volentieri il caos. Niente da fare poi con il ciuccio, e se la sera si fatica a mandarli a dormire, la mattina, quando la sveglia trilla, chi mai riesce ad alzarli dal letto? Intanto i minuti passano e al lavoro si arriva sempre in ritardo. Non si alzano, non c'è verso, neppure con le cannonate. Ad eccezione del fine settimana, quando – non si capisce come mai – sono arzilli dalle 6… Vi siete rivisti in questa «valle di lacrime», ancora alle prese con pannolini, pappe, ginocchia sbucciate e pupazzi o coperte di Linus che ci si dimentica sempre nel posto sbagliato al momento sbagliato? Benvenuti nel club dei genitori sull'orlo di una crisi di nervi. Nessun problema però, c'è chi potrebbe fare al caso vostro.

Dopo il successo delle passate stagioni, sono riaperti i casting per la settima edizione di Sos Tata, programma in onda su Fox Life (canale 114 di Sky, da dicembre) e La7 (dalla primavera) che si rivolge a famiglie con almeno due bambini e alla ricerca di aiuto, perché molto spesso soggiogate da «piccole pesti». In loro soccorso ecco sette tate esperte, tra cui anche la «Capo tata», così definita per la sua esperienza, Lucia Rizzi.

Le famiglie selezionate avranno la possibilità di avere in giro per casa una tata specializzata che aiuterà mamma e papà ad affrontare i loro grandi e piccoli problemi organizzativi e soprattutto educativi. Dopo una prima fase di osservazione delle dinamiche familiari, la nanny entrerà in gioco fornendo consigli e regole. Questo anche in un'ottica attenta ai mutamenti della società, tanto che dalle nuove puntate le tate andranno in aiuto anche di famiglie allargate, multietniche, ma anche con genitori separati, single, con problemi nuovi e a volte più complessi di quelli delle famiglie tradizionali. E tra l'organizzazione della giornata, il bisogno di più regole, la ricerca di un maggiore rispetto dei membri della famiglia, ma anche degli spazi domestici, le tate forniranno utili consigli. Alcuni dei quali, probabilmente, che abbiamo spesso e volentieri già sentito: il bisogno di complicità tra i genitori nell'educazione dei figli, l'importanza del dialogo e non certo delle maniere forti, l'unità e la condivisione. Con un importante concetto di qualità del tempo da spendere insieme.

Che spiega direttamente la stessa tata Lucia: «È assodato che i figli sono un cambiamento di vita radicale – spiega –, una scelta di sacrificio. Le difficoltà educative nascono però da una carenza: il non mettersi nell'ottica, come genitori, di fare famiglia, di condividere». Anche quando il tempo è poco: «Alla quotidianità manca sempre tempo, ma dobbiamo riuscire a rendere i pochi attimi di qualità».

E se le lamentele più frequenti sono, secondo tata Lucia, concentrate sui capricci e la mancanza di ascolto, la nanny che ha studiato in America dà una bella strigliata a tutti: «Dobbiamo smettere di delegare a qualcun altro i nostri compiti, di pensare che ci sia qualcun'altro pronto a risolvere i nostri problemi. E soprattutto basta considerare i figli elemento di disturbo: stare con loro, anche quando si è stanchi dopo un'intera giornata di lavoro e fatiche quotidiane, è un grande piacere. Perché, lo diceva anche Einsteein, "noi impariamo dalle emozioni"». Un'ottima lezione, tata Lucia. A chi però non fosse sufficiente, prenda carta e penna: per il casting basta chiamare lo 02/36557891, scrivere a [email protected] o collegarsi a www.sostata.tv. E buona fortuna.

Fabiana Tinaglia

e.roncalli

© riproduzione riservata