Sabato 01 Giugno 2013

Bergamo come Salisburgo
È qui la città della musica

Che Bergamo abbia le potenzialità per essere una Salisburgo in versione lombarda si sente dire e si può rintracciare nelle cronache da tempo, da svariati lustri: è un argomento più volte presente nelle considerazioni dei bergamaschi, sia tra gli addetti ai lavori sia tra gli appassionati, a volte anche da parte di qualche esponente politico.

Venerdì 31 maggio è stato presentato al teatro Donizetti, dall'Assessorato allo spettacolo del Comune, il «Calendario congiunto di tutte le attività musicali della città per Bergamo candidata capitale europea della cultura 2019». Il nume di Donizetti non è stato evocato, è rimasto un po' nell'ombra, forse perché sarebbe stata una citazione scontata, pletorica o forse perché la presentazione ufficiale dell'assessore Claudia Sartirani è avvenuta proprio in «casa» Donizetti, nel «suo» teatro.

Il Calendario 2013 raccoglie in un maneggevole opuscolo di 36 pagine tutte le manifestazioni musicali di Bergamo, mese per mese, fino al dicembre 2013. Sotto l'etichetta «Bergamo città della musica», venti associazioni ed enti culturali bergamaschi sono presentati e propongono per tutti i bergamaschi e i turisti un quadro esaustivo dell'offerta musicale: oltre 260 appuntamenti nell'arco dei 12 mesi.

«È un'iniziativa pensata da tutti insieme e faticata - esordisce Claudia Sartirani -. Esprimo orgoglio per la musica e la tradizione artistica di Bergamo. Tutte le associazioni musicali bergamasche sono molto brave. Questo cartellone è l'occasione per dare più forza a tutti quanti: è ora di scendere dal campanile e collaborare. La candidatura a capitale della cultura sprona a una tensione progettuale utile per la città, per i cittadini e per i turisti».

Leggi di più su L'Eco di sabato 1° giugno

m.sanfilippo

© riproduzione riservata