Mercoledì 12 Giugno 2013

Da Città Alta a via Palazzolo
Per Danza Estate c'è Urs Stauffer

Domenica 16 giugno, con «Sur les traces de l'ours» di Urs Stauffer, il Festival Danza Estate lascia per una serata il palcoscenico del Teatro Sociale e si trasferisce presso la sede del CSC Anymore, in via Don Luigi Palazzolo 23/c a Bergamo, sempre alle 21.30.

Qui il coreografo e pedagogo svizzero Urs Stauffer presenta in prima nazionale lo spettacolo «Sur les traces de l'ours», una performance di contact improvisation che è un viaggio illustrato in tre dimensioni sui suoi trenta anni di danza.
Saranno presentate tre coreografie, accompagnate da contributi visdeo: Prologue, Ainsi va la vie, ispirato al film «Entr' act» di Francis Picabia, e Epilogue. Urs Stauffer dirige se stesso, Alex Guex e il collettivo Le Molecole in una danza creata all'istante su musiche di The Cinematic Orchestra, di Nils Frahm e Olafur Arnalds.

Lo spettacolo è una co-produzione Festival Danza Estate. Urs Stauffer si occupa di Contact Improvisation da più di 20 anni. Alla fine degli anni '80 si trasferisce a Berlino per studiare e praticare dance improvisation e bodywork. Dopo la caduta del muro, gli viene proposto di lavorare a Potsdam dove coordina la sua compagnia ed è co-fondatore dell'ormai famoso festival di danza contemporanea di Potsdam (Potsdamer Tanztage). Attualmente risiede a Losanna (Svizzera) e lavora come performer free-lance e insegnante per molte compagnie di danza, attori professionisti e cantanti in diverse nazioni. Il suo interesse più grande è di condividere il suo lavoro con persone che hanno la volontà di trovare un terreno comune attraverso il corpo umano e le sue possibilità di comunicazione, per mezzo del contatto fisico e del movimento.

Dopo la performance sarà offerto un aperitivo dalla vineria «Botte in Testa» di Colognola. I biglietti per lo spettacolo «Sur les traces de l'ours» sono in vendita al prezzo di 7 euro. Prevendita e prenotazione obbligatoria presso il CSC Anymore di Bergamo in via Don Luigi Palazzolo 23/c, tel. 035/224700.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata