Un racconto in 7 parole. Il torneo di Chiari piace anche negli Usa

Il progetto. La sfida tra letterati al via il 7 settembre. L’idea nell’aprile scorso ripresa anche a San Francisco. Cinque le categorie di partecipazione, sette i premi.

Un racconto in 7 parole. Il torneo di Chiari piace anche negli Usa

Sette parole, non una di più, non una di meno. È questa la sfida proposta dal Torneo letterario «7 parole per un racconto», ideato dallo scrittore Claudio Calzana. L’edizione 2022 del Torneo viene organizzata in collaborazione con la Rassegna della Microeditoria di Chiari, l’appuntamento editoriale che si svolgerà nella cittadina bresciana dall’11 al 13 novembre.

Il progetto «7 parole per un racconto» ha ricevuto il sostegno della FAI, Fondazione dell’Avvocatura Italiana, espressione del Consiglio Nazionale Forense, l’Istituzione che rappresenta tutti gli Avvocati Italiani. Indetto in prima edizione il 7 novembre 2021 sul sito www.claudiocalzana.it, «7 parole per un racconto» ha registrato una partecipazione superiore a ogni aspettativa: in soli sette giorni sono pervenuti ben 385 racconti, diversi anche dall’estero.

Dall’aprile di quest’anno il Torneo vanta un gemello americano in quel di San Francisco e recentemente è stato inserito quale prova speciale nella III edizione del Concorso nazionale «Letteratura per la Giustizia». Il prototipo di questo singolare genere narrativo lo si deve allo scrittore guatemalteco Augusto Monterroso. In versione originale, un suo racconto conta per l’appunto 7 parole, 8 in traduzione: «Cuando despertò, el dinosaurio todavìa estaba allì». («Quando si svegliò, il dinosauro era ancora lì»). Fedeli a questo limite e modello, i racconti in lizza dovranno avere una dimensione narrativa, come per l’opera che ha vinto la prima edizione del Torneo: «Nacque sotto una buona stella, morì crocifisso» (Vincenzo Longaretti, Gorlago).

La partecipazione al Torneo letterario è totalmente gratuita e riservata ai maggiorenni. Ogni partecipante può inviare un singolo racconto ma anche una Silloge, cioè una raccolta di sette racconti che risultino espressione di un tema unico, di un’idea unitaria.

Il Torneo inizierà il 7 settembre alle ore 7 e si concluderà il 7 ottobre alla medesima ora. Il canale ufficiale per l’invio delle opere è la mail [email protected] Cinque le categorie di partecipazione, per un totale di sette premi: il miglior racconto (primo, secondo e terzo classificato); la miglior Silloge; il Miglior racconto U25, riservato a coloro che, comunque maggiorenni, alla data della premiazione (il 12 novembre 2022) non abbiano ancora compiuto 25 anni; il miglior racconto inviato dall’estero; e il premio speciale FAI per un racconto inerente ai temi dei diritti, della giustizia o del carcere.

Chi sono i giurati? Sono previsti premi? La giuria è composta dall’ideatore del Torneo letterario, Claudio Calzana; da Alan Poloni, titolare della libreria Muratori di Capriolo (Bs), oltre che romanziere; dalla scrittrice e giornalista Nadia Busato; da Daniela Mena, direttrice del Rassegna della Microeditoria, e da Francesca Sorbi, Vicepresidente della FAI. La cerimonia di premiazione avrà luogo il pomeriggio di sabato 12 novembre presso Villa Mazzotti (Chiari - Brescia), sede del Rassegna della Microeditoria. Gli autori dei racconti migliori riceveranno in dono diverse pubblicazioni e la stampa dell’attestato, oltre al piacere di mettersi in gioco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA