Fiamme e fumo: rogo a Verdellino. Inagibile un’autofficina - Foto e video

A bruciare due capannoni e un’autofficina vicina, nella zona industriale: alte fiamme e una nube di fumo grigio sopra la Bassa Bergamasca.

Fiamme e fumo: rogo a Verdellino. Inagibile un’autofficina - Foto e video
I Vigili del fuoco in azione a Verdellino

Il grosso rogo è scoppiato intorno alle 6 di giovedì mattina 25 novembre in via Vienna, a Verdellino, all’incrocio con via Amburgo, nella zona industriale del paese. A bruciare due capannoni utilizzati come deposito di materiale di scarto. Le fiamme, molto alte e violente, hanno intaccato anche un’autofficina situata in prossimità. La superficie compromessa dal fuoco è di circa 2 mila metri quadrati.

Sul posto i Vigili del fuoco con 12 squadre provenienti dalla Centrale di Bergamo, il distaccamento di Dalmine, i volontari di Treviglio, Madone e Romano di Lombardia e 3 mezzi aeroportuali accorsi per domare le fiamme.
A Verdellino anche la Protezione Civile oltre alle forze dell’ordine, la Polizia locale e i Carabinieri di Zingonia con il tenente Tucci sul posto. Nella mattinata è sopraggiunto anche il sindaco di Verdellino.
Non si segnalano feriti, il fumo nero è visibile a distanza di chilometri, provocato dal materiale di scarto - dagli elettrodomestici alla legna, da sacchi di plastica a pneumatici - presente nei due capannoni di grandi dimensioni.

Le strade della zona sono state chiuse per permettere ai Vigili del fuoco di lavorare in sicurezza. Tra i mezzi presenti, anche il camion «Poseidon» dei pompieri dello scalo aeroportuale di Orio al Serio, caratterizzato dal forte getto d’acqua dei suoi idranti.

I pompieri sono intervenuti con diverse autobotti data l’ampiezza del rogo che ha intaccato anche le vetture all’interno dell’autofficina situata vicino ai capannoni dove si è originato l’incendio: l’officina è inagibile, numerosi i macchinari intaccati dalle fiamme e anche il tetto è stato colpito dal rogo oltre a tre auto distrutte e altro otto danneggiate.
Secondo le prime informazioni non vi sarebbero problematiche di natura ambientale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA