Chiara dietro le quinte di «Homeland»

Chiara dietro le quinte
di «Homeland»

Chiara Ferrara ha 33 anni e si occupa della logistica delle grandi produzioni cinematografiche americane. Vive tra Londra e Los Angeles: gli studi alla Ucla. C’era una volta una ragazza che sognava di sfondare nel mondo del cinema. Non come attrice protagonista, piuttosto come «tuttofare» che sta dietro le quinte e riesce a farle funzionare così bene da tenere tutti incollati allo schermo. Chiara Ferrara, 33 anni di cui 18 vissuti a Bergamo e i restanti da «homeless» come ama definirsi, ne ha fatta di strada dal quel «no» secco ricevuto dalla sua famiglia di fronte a una borsa di studio per studiare cinema a Los Angeles.

«Avevo 18 anni e nessuno mi vedeva pronta per un’esperienza di vita del genere, così ho ripiegato su Milano, iscrivendomi allo Ied (Istituto europeo di design) e facendo lavori che odiavo per pagarmi gli studi e mettere via qualche soldo – racconta Chiara –. Dopo la laurea triennale in Pubblicità con specializzazione in Copywriting sono finita un po’ per caso a fare sottotitoli per i film grazie a Bergamo Film Meeting, poi mi sono occupata di doppiaggio. Ed ero felice, perché in qualche modo il cinema era tornato a chiamarmi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA