Ilaria, insegno a Reims ma penso a Bergamo

Ilaria, insegno a Reims
ma penso a Bergamo

Ilaria Salvi, da più di 10 anni vive tra Parigi e Reims. La svolta nella vita in Università a Bergamo con Castoldi. Ora insegna la nostra lingua nell’ateneo francese. La distanza non è mai stato un problema. In fondo la Francia è a poche ore di aereo e i voli low cost sono la normalità con Orio al Serio vicino e l’abitudine agli spostamenti per lavoro e piacere. Ma ora, in pochi mesi, tutto è cambiato. Ora la lontananza è come un muro che separa, che rende tutto impalpabile.

Ilaria Salvi, 45enne originaria di Stezzano, vive a Reims da circa 10 anni, ma prima ancora è stata a Parigi per altri 10 anni quando ha lasciato Bergamo per una carriera universitaria che sognava e che l’ha portata a realizzare numerosi progetti di vita. In queste settimane, però, il suo cuore è solo a Stezzano, a casa della sua famiglia, con papà Domenico, 70 anni, che ha lottato contro il coronavirus, nemico invisibile: «Si sta riprendendo in questi giorni, abbiamo vissuto momenti di apprensione e dolore: mio padre è cardiopatico e con il virus la situazione è peggiorata. Siamo riusciti a curarlo in casa e io da lontano mi sentivo impotente, terrorizzata a ogni squillo di telefono, a ogni messaggio – racconta –. Vederlo attraverso un monitor, debole e senza respiro, leggere la paura negli occhi della mia famiglia. Per fortuna a casa c’era mia sorella Francesca: è infermiera e si è occupata lei di papà. Ancora oggi continuo a pensarci e a piangere. Per la mia Bergamo così ferita».

Ilaria aveva pensato di tornare prima che la Francia decidesse di chiudere i confini, ma ora sa di avere fatto la scelta giusta: «Sono rimasta a Reims, ma il pensiero però di non riabbracciare mio padre mi tormentava e tutto quello che leggevo e ascoltavo alla televisione mi terrorizzava – racconta –. Bergamo era sulla bocca di tutti e i francesi mi hanno dimostrato grande affetto». Lo stesso presidente Macron ha parlato di Bergamo: «Dei suoi morti, del suo dolore».

Fabiana Tinaglia Giornalista de L'Eco di Bergamo

© RIPRODUZIONE RISERVATA