Colpito con due coltellate a Lovere Arrestato coetaneo 30enne

Colpito con due coltellate a Lovere
Arrestato coetaneo 30enne

Sangue e mistero. Solo le indagini dei carabinieri della compagnia di Clusone potrebbero definire i contorni di una vicenda che giovedì pomeriggio a Lovere ha rischiato di finire in tragedia.

Un marocchino di circa trent’anni ha colpito con due coltellate un giovane dell’alto Sebino, suo coetaneo, che lavora in uno studio professionale; lo ha ferito all’addome e al torace e solo per un miracolo non gli ha colpito organi vitali.

Il giovane aggredito è stato portato in ospedale, ma non sembra essere in pericolo di vita . Gli inquirenti mantengono il più stretto riserbo e fino a notte fonda hanno interrogato i testimoni e le persone direttamente coinvolte, in particolare il giovane extracomunitario che è stato fermato e portato in caserma. In base alle ricostruzioni che «L’Eco di Bergamo« è riuscito a recuperare, sembra che il marocchino abbia contattato l’ufficio per il quale la sua vittima collabora da qualche anno; non si sa se abbia parlato direttamente con lui o se abbia chiesto di lui, ma quel che è certo è che il ragazzo vittima dell’aggressione è sceso in strada, uscendo dall’ufficio affacciato sul lago e raggiungendo l’extracomunitario. Non è chiaro se i due si conoscessero o se già in passato avessero avuto tensioni, ma tra loro è presto iniziata una discussione dai toni sempre più violenti e accesi, sfociata nell’accoltellamento. Il marocchino lo ha colpito con forza e sembra che avesse già con sé l’arma, sapendo quindi di poter arrivare a usarla. Quel che è accaduto dopo lo potranno raccontare solo i carabinieri della compagnia di Clusone e della stazione: non si sa se l’aggredito sia riuscito a rientrare nello studio dove lavora e a chiedere aiuto, non si sa se il marocchino sia fuggito o se sia stato subito fermato, non si sa neppure chi abbia dato l’allarme.

© RIPRODUZIONE RISERVATA