Contagi in calo, ma i ricoveri salgono  «Deboli segnali positivi, ma serve prudenza»

Contagi in calo, ma i ricoveri salgono
«Deboli segnali positivi, ma serve prudenza»

In Bergamasca registrati 314 nuovi casi, ma i pazienti nelle strutture ospedaliere aumentano ancora. L’epidemiologo Buzzetti: «Siamo al plateau della curva, indispensabile la prudenza. Tornare indietro è un attimo»

Il report domenicale dei contagi ha certificato altri 4.003 positivi in Lombardia, di cui 314 nella Bergamasca. Numeri sostanzialmente in linea con le due domeniche precedenti nel territorio regionale, in cui si era oltre la soglia delle 4 mila unità (4.397 positivi in più il 7 marzo e 4.334 il 14 marzo) e con qualche leggera ma non sostanziale variazione tra Bergamo e provincia (369 contagiati il 7 marzo e 276 la domenica successiva).

Il tasso di positività in Lombardia è in progressivo calo, se rapportato alle ultime due settimane (ieri 8,6% sulla base di 46.150 tamponi processati; il 14 marzo 9,6% e il 7 marzo 10,3%), mentre il dato dei ricoveri Covid continua a crescere: altri 35 degenti nei reparti ordinari di medicina (6.926 ospedalizzati) e 15 pazienti in più in Rianimazione (806 posti letto occupati). Nella Bergamasca sono 750 i ricoverati Covid (10 in più in un giorno), di cui 87 in Terapia intensiva (2 in più), e 4 in più i decessi per Covid in 24 ore (90 vittime giornaliere nel territorio regionale).

© RIPRODUZIONE RISERVATA