Coronavirus, il numero reale dei decessi In Bergamasca  4.500 in un mese

Coronavirus, il numero reale dei decessi
In Bergamasca 4.500 in un mese

È questo il risultato dell’analisi svolta da L’Eco di Bergamo e InTwig sui dati dei Comuni bergamaschi. Più del doppio rispetto ai 2.060 morti ufficiali. English version.

Quello che i numeri ufficiali non dicono. Non dicono che a marzo 2020 in provincia di Bergamo sono morte oltre 5.400 persone, di cui circa 4.500 riconducibili al coronavirus. Sei volte rispetto a un anno fa. Di sole 2.060, i decessi “ufficiali” certificati «Covid-19» avvenuti negli ospedali bergamaschi (dato aggiornato a ieri), conosciamo tutto: età, sesso, malattie pregresse . Nulla sappiamo degli altri 2.500. Molti sono anziani, morti nel letto di casa propria o nelle residenze sanitarie assistite. Nonostante i sintomi inequivocabili, come riportano le testimonianze di medici e famigliari, non sono stati sottoposti a tampone per accertare la positività alla malattia. Sul certificato di morte si legge solo «polmonite interstiziale».

Mentre i rappresentanti di Protezione civile e Regione Lombardia, sul palcoscenico quotidiano delle pagine Facebook, sciorinavano i numeri di contagi e tamponi, gli abitanti della provincia di Bergamo lanciavano il loro grido di dolore. Le fotografie con i mezzi dell’esercito che trasportano centinaia di bare e i necrologi pubblicati da L’Eco hanno fatto il giro del mondo, testimonianza del dramma che stanno vivendo tutti i bergamaschi. Anche i sindaci se ne sono accorti subito: «I dati ufficiali sono solo la punta dell’iceberg» - hanno detto il 17 marzo sulle pagine di questo giornale .

i.invernizzi
Isaia Invernizzi

Giornalista professionista, lavora a L’Eco di Bergamo dal 2016. Redattore della cronaca cittadina dal marzo 2019 dopo tre anni in redazione web. Amante dei dati in tutte le loro forme.

© RIPRODUZIONE RISERVATA