Corretto l’errore: sono 740 mila i bergamaschi da vaccinare
Le vaccinazioni a Treviglio (Foto by Cesni)

Corretto l’errore: sono 740 mila
i bergamaschi da vaccinare

Sottostimati i dati iniziali della fase massiva in provincia: erano state calcolate solo 417mila persone.

Tecnicamente dovrebbe essere un errore di segmentazione sulle classi di lavorazione della popolazione bergamasca. Quantitativamente e qualitativamente un pasticcio mica da ridere: se in prima battuta si era ipotizzato che i bergamaschi da vaccinare nella fase massiva potessero essere sui 600 mila invece dei 417 mila indicati dalla Regione nel suo Piano, fatti (anzi, rifatti, o meglio fatti bene...) i calcoli, il totale ammonterebbe a 740 mila persone circa. Ovvero 323 mila in più. Sì, il dato sarebbe sbagliato di oltre il 75%. Ora si attende solo la comunicazione ufficiale da parte della Regione per archiviare una volta per tutte il caso e cominciare, si spera, a fare sul serio.

Ma siccome la vittoria ha tanti padri e la sconfitta nasce generalmente orfana, nei corridoi dell’assessorato al Welfare e Sanità di Palazzo Lombardia (dove ultimamente con i dati non sembrano azzeccarci granché) pare siano già stati trovati i colpevoli perfetti: i consulenti esterni. Sarebbero stati loro a ciccare abbastanza clamorosamente la divisione in fasce dei bergamaschi interessati dalla vaccinazione, quelli cioè non compresi nelle prime fasi: in pratica la stragrande maggioranza escludendo gli over 80 e il personale sanitario e ora forze dell’ordine e mondo della scuola

d.nikpalj
Dino Nikpalj

Curioso di tutto ed esperto di niente. Classe 1968 (ohibò…), maturità tecnica e studi in Giurisprudenza, lavora a L’Eco di Bergamo dal novembre 1997. Vicecaporedattore dal 2014, è stato inviato e per tre anni ha guidato la redazione web. Scrive di cronaca, politica, trasporti e Atalanta, della quale è tifosissimo. Ha da sempre una passionaccia per il calcio inglese in tutte le sue forme e categorie, una spiccata simpatia per il Manchester City e una fornitissima biblioteca, anche di storie di calcio. Che prova a raccontare su Corner.

© RIPRODUZIONE RISERVATA