Ghisalba, ragazzo in piazza con il cane Aggredito e derubato del cellulare

Ghisalba, ragazzo in piazza con il cane
Aggredito e derubato del cellulare

Il furto di sera a pochi metri dal municipio. A passeggio con il cane è stato avvicinato da un uomo che gli ha chiesto soldi.

Aggredisce un 16enne per poi derubarlo del suo cellulare. Il furto è avvenuto a Ghisalba, in piazza Papa Giovanni, a pochi metri dal municipio. Erano circa le 22 di sabato 21 marzo quando un ragazzo di 16 anni residente nella zona stava passeggiando con il suo cane quando, all’improvviso, un uomo lo ha avvicinato chiedendogli dei soldi.

Il giovane, impaurito e spiazzato per la situazione, ha iniziato a gridare aiuto cercando di attirare l’attenzione di qualcuno nonostante la piazza, viste anche le restrizioni in vigore per contenere l’epidemia, fosse deserta. Per evitare che le grida del ragazzo potessero insospettire i residenti, l’uomo ha quindi cercato di zittire il 16enne mettendogli una mano in faccia per stringergli la bocca. I due finiscono a terra . La colluttazione prosegue con il giovane che, schiena a terra, viene placcato dal ladro che, sopra di lui, cerca ancora di contenere le grida. Nella foga, il cellulare del giovane si è sfilato dalla tasca cadendo a terra. A quel punto l’aggressore, vedendo il telefono incustodito, lo ha afferrato per poi darsi alla fuga. Nessuna ferita grave per il 16enne. «Mio figlio - racconta la madre - ora sta bene. È molto spaventato e ha dei segni sul volto e sul collo oltre a qualche dolore alla schiena». L’episodio è stato subito denunciato ai carabinieri di Martinengo. «Abbiamo chiamato i carabinieri - prosegue la madre - i quali sono arrivati subito. Dopodiché, in tarda serata, siamo andati in caserma».

© RIPRODUZIONE RISERVATA