«Guidavo il camion con i bergamaschi» La lettera: quel carico ormai fa parte di me

«Guidavo il camion con i bergamaschi»
La lettera: quel carico ormai fa parte di me

Uno dei militari alla guida dei camion che hanno trasportato le bare dei bergamaschi nei giorni più duri del la pandemia.

E stasera termina la fase uno….Che dire???? Forse la gente non si rende conto, non ha materialmente avuto il tempo di percepire la realtà! Io vi dico la mia, anche se sono cosciente di non rendere (per fortuna) l’idea. Essere alla guida di un camion, una giornata qualunque dove il pensiero ti porta oltre la tua quotidianità.

Tu guidi, scambi due chiacchere con il collega alla parte opposta della cabina, ma quando per forza di cose, per un istante il silenzio rompe la tua routine, il tuo pensiero si posa su di loro, realizzi che dentro quel camion non siamo in due, ma in sette…. cinque dei quali affrontano il loro ultimo viaggio… e sì…. l’ultimo…. ti rendi conto di essere la persona sbagliata, o meglio, qualcuno doveva essere al posto tuo ma purtroppo non può… tocca a te…. ed è li che senti addosso quella grande responsabilità, qualcosa che ti preme dentro, ogni buca, ogni avvallamento sembra una mancanza di rispetto nei loro confronti...

© RIPRODUZIONE RISERVATA