Il rospo della Maresana finisce sotto osservazione

Il rospo della Maresana finisce sotto osservazione

Una stazione sperimentale sulla Maresana, nel territorio di Ponteranica, adibita per lo studio e la conservazione di un anfibio autoctono a rischio. Il progetto è stato approvato dalla Giunta di Regione Lombardia. È stato inoltre definito lo schema di accordo di collaborazione col Parco dei Colli di Bergamo.

L’anfibio in questione è la bombina variegata, nota anche come ululone dal ventre giallo: questo piccolo rospo vive esclusivamente nella parte collinare del Parco dei Colli. Si tratta dell’anfibio più raro presente sul territorio. Ha due particolarità: la pupilla a forma di cuore e il suono che emette, simile a un ululato. La struttura della Ca’ Matta, in cui ha sede l’educazione ambientale del Parco dei Colli di Bergamo, verrà adibita per ospitare un centro di riproduzione ex situ della bombina variegata: vi si effettueranno azioni di conservazione, studio e monitoraggio dell’anfibio.

«Il costo dei lavori si aggira intorno ai 55.000 euro: la gestione del centro è per il triennio 2021-2023, con possibilità di rinnovo – spiega Marcella Datei, consigliere del Consiglio di gestione del Parco dei Colli –. L’inizio delle attività della stazione, che sarà guidata dalla dottoressa Di Cerbo, è previsto entro un anno dall’accordo che è stato approvato la scorsa settimana. La struttura sarà divisa in due parti: all’esterno la vasca per i girini in condizioni semi-naturali, mentre all’interno ci sarà l’area di osservazione, cura, quarantena e allevamento».

© RIPRODUZIONE RISERVATA