L’abbraccio gioioso a sei nuovi diaconi: «Chiamati a servire, non a essere serviti»
La gioia dei nuovi diaconi insieme al vescovo Francesco Beschi

L’abbraccio gioioso a sei nuovi diaconi: «Chiamati a servire, non a essere serviti»

Protagonisti del rito nella chiesa ipogea del Seminario cinque bergamaschi e un indiano. Il vescovo di Bergamo, monsignor Francesco Beschi: «Ammiriamo questi giovani che hanno ricevuto il dono di Dio».

«Con tutto il cuore, con tutta l’anima e con tutte le forze» (Dt 6,5) è la frase scelta dai seminaristi del Seminario di Bergamo e del Pime per accompagnare l’ordinazione avvenuta con il rito che si è tenuto nella serata di sabato 30 ottobre nella chiesa ipogea dedicata a Cristo Sommo ed Eterno Pastore nel Seminario vescovile San Giovanni XXIII. Protagonisti i cinque giovani della nostra diocesi Carlo Agazzi di Grone, Mario Carrara di Locatello, Andrea Cuni Berzi di Urgnano, Mario Pezzotta di Pedrengo, Taddeo Rovaris di Nembro e per il Pontificio Istituto Missioni Estere Rajeswar Nayak di Brahmpur in India, entrati nella chiesa in processione.

«Segno dell’amore di Gesù»

© RIPRODUZIONE RISERVATA