Morto sul lavoro a Milano, Foresto piange Efrem: «Uomo riservato e sempre tranquillo
Efrem Plebani

Morto sul lavoro a Milano, Foresto piange Efrem: «Uomo riservato e sempre tranquillo

La notizia della tragica scomparsa di Efrem Plebani è giunta a Foresto Sparso a metà pomeriggio e ha suscitato immediato cordoglio in tutta popolazione. L’uomo si era infatti fatto apprezzare in paese oltre che per la sua dedizione al lavoro anche per il suo carattere tranquillo e pacifico.

«Piuttosto chiuso e taciturno, si faceva vedere poco in giro - dicono in paese - da persona riservata qual era, frequentava poco anche il bar. Non era sposato e il suo unico pensiero era il lavoro di muratore che faceva da sempre». Efrem veniva da una famiglia contadina molto conosciuta in paese. Era cresciuto insieme ai sui cinque fratelli e sorelle con i valori tradizionali trasmessi dai suoi genitori. Il lavoro era senz’altro un importante pilastro della sua vita, forse per questo, a 64 anni, non rinunciava a lavori gravosi che metterebbero a dura prova anche un giovane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA