Nel post lockdown giù i furti nelle case Diminuiti del 37,5%, invariati  per le auto

Nel post lockdown giù i furti nelle case
Diminuiti del 37,5%, invariati per le auto

Il post lockdown non sta registrando, fortunatamente, una ripresa dei furti, in particolare nelle abitazioni, della nostra provincia.

Lo dicono i dati delle denunce: nel periodo tra il 1° giugno e il 28 agosto dell’anno scorso i furti in provincia di Bergamo erano stati 2.943 (3.755 se si considera anche il capoluogo), mentre negli stessi tre mesi di quest’anno sono stati 1.871, con una diminuzione di ben 1.072 colpi, pari al 36,4% (se si considera anche Bergamo città, il numero di colpi sale a 2.439, comunque 1.316 furti in meno, con una decrescita del 35%).

Nei 92 giorni considerati, si tratta, in media, di 20 furti al giorno e, se si considera anche il capoluogo, di 26 furti ogni 24 ore. L’anno scorso il dato medio giornaliero era stato di 40,8 comprendendo anche Bergamo città e di 31,9 in tutti gli altri paesi della provincia. In particolare, i furti nelle abitazioni – quelli che maggiormente colpiscono l’opinione pubblica e che contribuiscono ad aumentare la cosiddetta «sicurezza percepita» – hanno registrato, negli ultimi tre mesi, una riduzione del 37,5%, pari a un numero assoluto di 110 furti in meno, essendo passate le denunce – raccolte da tutte le forze di polizia – dalle 506 del 2019 alle 316 di quest’anno. Aggiungendo anche il capoluogo, i furti nelle abitazioni sono comunque diminuiti da 608 a 368, con un netto dimezzamento (da 102 a 52) solo a Bergamo città e un calo complessivo pari al 39,5%.

© RIPRODUZIONE RISERVATA