Piscine, stagione estiva a rischio «Stiamo valutando danni e rimborsi»

Piscine, stagione estiva a rischio
«Stiamo valutando danni e rimborsi»

I gestori alle prese con i piani economici per la riapertura, in attesa delle linee guida sulla sicurezza. Dall’Italcementi a Stezzano e Seriate: «Stiamo valutando i danni subiti e come procedere per i rimborsi».

La dea Federica Pellegrini ha ripreso ad allenarsi, ma i poveri umani quando potranno tornare a fare una nuotata? Data per persa la stagione invernale (con i danni da quantificare per i tre mesi di stop forzato e la grana dei rimborsi per corsi e abbonamenti), i gestori delle piscine puntano tutto sull’estate ormai alle porte. Ma anche qui resta da capire come e quando si potrà riprendere l’attività, e soprattutto se sarà «sostenibile» dal punto di vista economico. «Alcune realtà, soprattutto le più piccole, hanno già deciso di non riaprire.

E anche tra le società più grandi si stanno facendo delle valutazioni», dicono gli addetti ai lavori. In gioco ci sono fatturati fino a 1-2 milioni all’anno, dove la parte del leone la fanno proprio i mesi più caldi. Senza contare i posti di lavoro in bilico (all’Italcementi, ad esempio, con gli stagionali si arriva a 60 persone).

© RIPRODUZIONE RISERVATA