Quarta ondata in atto. Pregliasco: «Serviranno misure chirurgiche»

Quarta ondata in atto. Pregliasco: «Serviranno misure chirurgiche»

«Di fatto siamo già nella quarta ondata. Stiamo assistendo a un colpo di coda del virus e temo che in Italia arriveremo a 10 mila casi al giorno nel giro di due o tre settimane». Il virologo Fabrizio Pregliasco, docente di Igiene all’Università Statale e direttore sanitario dell’Istituto Galeazzi di Milano, non usa giri di parole.

«In Lombardia l’ipotesi verosimile è di raggiungere i 1.500 casi al giorno dopo la metà di agosto. Servono in ogni caso tre elementi: vaccinare, tracciare e usare il buonsenso nei comportamenti. E misure chirurgiche in caso di focolai» spiega il virologo.

La crescita della curva epidemica non conosce sosta e con i 661 nuovi positivi rintracciati giovedì 29 luglio in Lombardia si è registrato un 35,4% in più di positivi in sette giorni. Anche l’incidenza settimanale dei casi ogni 100 mila abitanti è schizzata al valore 39,4 (il 29 giugno era pari a 8). In Bergamasca sono stati identificati 35 nuovi contagiati (47 il giorno prima) e l’incremento dei casi in sette giorni rasenta il 100% (ieri il 98%), con la media settimanale di 32 positivi (il 1° luglio la media era di 7 contagiati; il 22 luglio era di 16) e l’incidenza che ha raggiunto 20,4 (dal 10 giugno si erano segnalati valori sempre inferiori a 20).

© RIPRODUZIONE RISERVATA