Sagre e fiere ai nastri di partenza, si ricomincia dopo 15 mesi di stop
Bancarelle a Bergamo (Foto by Archivio)

Sagre e fiere ai nastri di partenza, si ricomincia dopo 15 mesi di stop

Da lunedì 14 giugno potranno ricominciare ad animare piazze e strade dei paesi anche gli ambulanti «specializzati» in fiere e sagre. Dopo 15 mesi, a seguito dell’approvazione di un emendamento proposto da Anva Confesercenti. In città il primo appuntamento sarà la Festa dell’Apparizione, seguito dalle iniziative per Sant’Alessandro.

Da oggi potranno ricominciare ad animare piazze e strade dei paesi anche gli ambulanti «specializzati» in fiere e sagre. Dopo 15 mesi, a seguito dell’approvazione di un emendamento proposto da Anva Confesercenti e che ha visto tra i primi firmatari la parlamentare bergamasca Elena Carnevali, il settore può finalmente tirare un sospiro di sollievo. Nella nostra città il primo evento post Covid potrebbe essere la festa dell’Apparizione di Borgo Santa Caterina, a cavallo di Ferragosto, e a seguire le iniziative legate al patrono Sant’Alessandro, alla fine di agosto. E poi ci sarà la tradizionale fiera di Santa Lucia, saltata lo scorso anno per la prima volta nella sua lunga storia, che nei giorni precedenti il 13 dicembre tornerà ad animare il Sentierone per la felicità di grandi e piccini. In tutta la Bergamasca sono decine gli eventi che possono ora ripartire, dando lavoro a diverse centinaia di imprese familiari. «Si tratta di un risultato che abbiamo fortemente voluto – commenta Cesare Rossi, vicedirettore di Confesercenti Bergamo –. Già nei mesi scorsi avevamo denunciato la drammatica situazione di fermo del settore, sottoponendo proprio ai parlamentari bergamaschi un documento con le richieste delle imprese del commercio su area pubblica per chiedere misure urgenti che permettessero la riapertura di tutti i mercati e fiere all’aria aperta, la ripresa del comparto e la garanzia di ristori veri ed immediati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA