Si fanno scorte, ressa nei supermercati E c’è chi compra già i regali di Natale
Scorte al supermercato (Foto by Bedolis)

Si fanno scorte, ressa nei supermercati
E c’è chi compra già i regali di Natale

Lunghe code, carrelli pieni e persino qualcuno che si è portato avanti acquistando i pensieri per le feste.

«Deja vu» giovedì a Oriocenter e all’Iper di Seriate, stesse scene viste nel mese di marzo con il primo lockdown. Alla vigilia della seconda chiusura, alcuni supermercati sono stati nuovamente presi d’assalto, nonostante sia ormai assodato che rimarranno sempre aperti. In particolare, sono stati i centri commerciali che hanno registrato il maggior afflusso di persone, mentre nei supermercati cittadini (ad esempio Esselunga) si è presentata più gente del solito per acquistare generi di prima necessità ma non si sono formate lunghe code.

Nella mattinata quasi tutti i parcheggi di Oriocenter erano pieni, all’esterno dell’ipermercato c’erano molte persone in coda per entrare a fare acquisti e all’interno la maggior parte aveva i carrelli completamente pieni. «Io sono di Bergamo – racconta una cliente – e vengo sempre qui a fare la spesa. Visto che da domani (oggi per chi legge, ndr) non potrò più venire non potendo uscire dal comune in cui risiedo, ne ho approfittato per comprare qualcosa in più».

© RIPRODUZIONE RISERVATA