Stazione di Bergamo e dintorni, in arrivo        il divieto di vendere alcolici - Ecco la lista delle vie
Uno dei cartelli che vietano il consumo di alcol alla Malpensata

Stazione di Bergamo e dintorni, in arrivo

il divieto di vendere alcolici - Ecco la lista delle vie

Prorogata l’ordinanza che multa il consumo in zona: 35 sanzioni. Gandi: «Al lavoro per un elenco di locali dove non si potranno più comprare».

Per ora è stato prorogato fino al 3 febbraio il divieto di consumo in strada di alcolici in zona stazione, Malpensata e dintorni. Palafrizzoni, però, sta per passare alle maniere più forti. «Arriveremo a un’ordinanza che vieterà la vendita di alcolici», annuncia l’assessore alla Sicurezza Sergio Gandi. Certo, aggiunge, «non sarà un provvedimento generalizzato, per non colpire in maniera indiscriminata anche gli esercizi commerciali che fanno bene il loro mestiere e, anzi, contribuiscono con la loro attività a rivitalizzare i quartieri». I tempi di «confezionamento» del documento stanno andando un po’ per le lunghe proprio per la difficoltà di destreggiarsi in una materia (licenze e connessi) complessa, ma Gandi punta ad arrivare al traguardo in fretta, magari entro la scadenza di questa nuova ordinanza temporanea.

La misura più drastica, infatti, è stata sollecitata dalla Prefettura e già sperimentata in altre città, come Brescia. «Stiamo mettendo in fila le cose per capire come muoverci, ma il punto d’arrivo è quello», spiega Gandi. L’obiettivo è stilare una sorta di «black list» (ma Palafrizzoni preferisce usare il termine più neutro «elenco») di locali a cui non sarà più concesso vendere alcolici. «Valuteremo se applicare il divieto su tutto l’arco della giornata o in precise fasce orarie – aggiunge l’assessore –, ma è più probabile che la regola scatti dal pomeriggio in avanti, perché la mattina non si registrazione situazioni di difficile gestione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA