Superticket addio dal 1° marzo A Bergamo «sconto» per 600 mila utenti

Superticket addio dal 1° marzo
A Bergamo «sconto» per 600 mila utenti

La Lombardia si appresta ad archiviare il superticket, vale a dire la quota aggiuntiva che bisogna pagare quando si prenota una prestazione medica con il servizio sanitario nazionale.

La decisione annunciata dalla Regione a fine 2019 con l’approvazione del bilancio 2020 è stata confermata in via definitiva dalla Giunta guidata da Attilio Fontana. A partire dal 1° marzo la sovrattassa su visite ed esami sarà definitivamente azzerata, e questo varrà per tutte le categorie di pazienti, a prescindere dalle condizioni sociali, di reddito o patologiche. La manovra lombarda anticipa di sei mesi l’analoga norma nazionale, inserita dal Governo nella Finanziaria. In tutta Italia l’eliminazione del superticket regionale entrerà in vigore dal primo settembre.

La Lombardia è dunque la prima Regione italiana a far saltare il «balzello», grazie a uno stanziamento di 54 milioni di euro. Un taglio che, secondo alcune stime della Cisl, in provincia di Bergamo varrebbe circa 7 milioni di euro con circa 600 mila beneficiari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA