Bayer, mercoledì sciopero di 4 ore contro la chiusura di Filago. A rischio 46 dipendenti
Lavoratori al presidio della Bayer a Filago lo scorso maggio

Bayer, mercoledì sciopero di 4 ore contro la chiusura di Filago. A rischio 46 dipendenti

Il sito bergamasco, dedicato alla produzione di agrofarmaci (da qualche tempo spostata sul confezionamento dei prodotti), occupa 62 dipendenti: sono 46 gli operai che rischiano il licenziamento, mentre i restanti 16 impiegati continueranno a gestire l’attività di logistica per altri stabilimenti europei del gruppo tedesco.

Quattro ore di sciopero in Italia con presidio davanti alla sede della Bayer di viale Certosa a Milano contro la chiusura dell’impianto di Filago (Bergamo), dove rischiano il posto 46 dipendenti delle attività produttive dell’azienda. Il sito bergamasco, dedicato alla produzione di agrofarmaci (da qualche tempo spostata sul confezionamento dei prodotti), occupa 62 dipendenti: sono 46 gli operai che rischiano il licenziamento, mentre i restanti 16 impiegati continueranno a gestire l’attività di logistica per altri stabilimenti europei del gruppo tedesco.

La protesta è stata organizzata dai sindacati, si legge in una nota della Uil della Lombardia, a seguito della «ennesima scelta scellerata di deindustrializzazione del nostro territorio, quello lombardo, che da un paio di mesi sta assistendo alla chiusura e delocalizzazione delle produzioni di diversi settori».

© RIPRODUZIONE RISERVATA