«La cassa in ritardo per 35 mila» «É grave, così si perdono occupati»

«La cassa in ritardo per 35 mila»
«É grave, così si perdono occupati»

Ancora troppi ritardi nell’erogazione della cassa, in particolare sul fronte dei lavoratori di commercio e servizi.

Lo denunciano i sindacati bergamaschi che rendono noto come siano «almeno 35 mila i lavoratori di commercio e terziario ancora in attesa dei pagamenti dalle Casse e da altri ammortizzatori attivati: in pratica almeno la metà dei lavoratori coinvolti dalle oltre tremila domande presentate dalle aziende dall’inizio dell’emergenza. I settori del terziario pagano quindi pesantemente in questa fase le ricadute dell’epidemia e del lockdown.

Sono in particolare i lavoratori della ristorazione, di mense e scuole, dei settori alberghieri, del commercio all’ingrosso e al dettaglio, delle pulizie e della vigilanza, «dove le paghe sono spesso da fame - aggiungono i rappresentanti dei lavoratori - e dove oggi le persone vivono una fase di incertezza e paura dovuta non solo ai ritardi nei pagamenti ma anche al timore di rimanere senza un lavoro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA