Dall’Europa un segnale  finanziario e politico

Dall’Europa un segnale
finanziario e politico

La svolta del «recovery fund», ora Next generation», presentato al Parlamento europeo da una von der Leyen molto determinata, si allarga oltre i 500 miliardi a fondo perduto indicati da Germania e Francia. È come se si formasse, via via, una matrioska finanziaria e politica sempre più grande.
Prende vita un nuovo contenitore da 750 miliardi, solo 250 dei quali di prestiti a bassissimo costo, con orizzonte 2058. Per l’ Italia è previsto rispettivamente un intervento di 82 e 91 miliardi (totale 172,6, alla Germania: 28 e zero).

Ma la dimensione complessiva di ciò che Bruxelles mette in campo sotto diverse forme è di 2.400 miliardi. Cifre che dovrebbero chiarire anche ai più scettici che la partita globale si affronta sulla grande dimensione. Melanconica e senza respiro la chiusura dei sovranismi presenti in forti minoranze tedesche, a Nord e Est, ma anche italiane e francesi e di quelli che osteggiano l’ Europa solo per lucrare contributi maggiori, come i Paesi dell’ Est illiberale. Sono solo le bamboline più piccole della matrioska che sta formandosi, quelle di una presunta «frugalità» che è egoismo, e che disprezzano la parola solidarietà, che la presidente della Commissione europea ha comunque sostituito per l’ occasione con il termine resilienza, ovvero la necessità di rispondere in modo flessibile e dinamico alla più grande crisi globale della nostra epoca.

Se non fossimo stati tante volte delusi dalle contraddizioni di questa Europa che pure non avrebbe scampo se divisa come la vorrebbero gli Stati Uniti di Trump, la Cina e la Russia, e alla mercè persino dei ricatti della Turchia, parleremmo di una svolta epocale, di crisi come opportunità straordinaria. Qualcosa di importante sta avvenendo certamente. È vero che c’ è sempre un pò di arroganza quando si muove il binomio Merkel-Macron, è vero che l’ Italia appare sempre non pervenuta, persino ora che è la terza forza europea. Ma nella sostanza, la conferenza francotedesca ha segnato qualcosa di inaspettato, che ha oggettivamente incoraggiato il rilancio finanziario e politico di Bruxelles. Il segnale viene dalla Germania, che per la prima volta ha dato il via alla sottoscrizione di un debito comune, e al tempo stesso ha rotto gli argini esistenti fino all’ ultimo Consiglio europeo sulle erogazioni a fondo perduto, che sembravano solo simboliche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA