Euroscettici caduta di stile

Euroscettici
caduta di stile

In Inghilterra, nelle elezioni successive alla fine della seconda Guerra mondiale, il partito di Winston Churchill – che pure aveva guidato il Paese alla vittoria contro il nazi-fascismo – venne sconfitto. Si narra che, in una concitata riunione del gruppo dirigente dei Tories, un parlamentare avesse sostenuto l’esigenza di fare ostruzione parlamentare contro il progetto laburista di nazionalizzare un servizio pubblico. Con la sua ben nota, gelida, ironia Churchill apostrofò duramente il suo compagno di partito dicendogli: «Esimio collega, lei non ha capito nulla della democrazia.

Noi non useremo lo strumento del filibustering, perché esso viene adoperato soltanto in caso di atti della maggioranza che mettano a repentaglio l’ordinamento». Con tali parole Churchill - nel sottolineare che il partito Laburista aveva il diritto di attuare il programma votato dagli elettori - dava una lezione di civiltà politica e di ossequio verso le regole delle democrazie parlamentari.


© RIPRODUZIONE RISERVATA