Matteo e Giorgia insieme per forza
Giorgia Meloni

Matteo e Giorgia
insieme per forza

Alla presentazione del candidato del centrodestra alla poltrona di sindaco di Milano, ieri, non si è neanche provato a nascondere la tensione di fronte alle telecamere: il nervosismo di Ignazio La Russa per una questione di poltrone in platea, le dichiarazioni dal palco di Daniela Santanchè contro chi «non ha lo spirito di coalizione» e soprattutto l’assenza ingiustificata e clamorosa di Giorgia Meloni alla manifestazione di lancio del candidato comune a Palazzo Marino, hanno dimostrato che in questo momento tra Fratelli d’Italia da una parte e Forza Italia e Lega dall’altra i rapporti sono pessimi.

Dopo la lunghissima polemica sulla presidenza del Copasir (il comitato parlamentare di controllo sui servizi) che i leghisti hanno impiegato mesi a mollare a FdI, è deflagrato la bomba delle nomine Rai a peggiorare il clima. In effetti, il nuovo consiglio di amministrazione della Tv di Stato per la prima volta non vede la presenza di un rappresentante dell’opposizione, che poi è solo Fratelli d’Italia. Forza Italia, con Simona Agnes, e la Lega con Igor de Bladio, hanno occupato i due posti a disposizione del centrodestra eliminando il candidato della Meloni, peraltro un consigliere uscente, Gian Paolo Rossi, tanto potente e abile nella gestione del potere aziendale quanto inviso ai suoi stessi compagni di strada. L’esclusione di Rossi ha provocato le proteste di Giorgia Meloni e la promessa di Guido Crosetto, suo fedele e ascoltato consigliere: «In politica gli schiaffi si restituiscono».

E così avverrà, prima o poi. Si tratta solo di cercare di prevedere su quale campo di gioco avverrà questa ennesima puntata della «conflittualità seriale» tra la leader della destra e Matteo Salvini. Una lotta per la leadership innescatasi nel momento in cui il primato elettorale leghista si è andato ridimensionando (dal 34% delle elezioni europee del 2019 al 20 e spiccioli che i sondaggi registrano oggi) parallelamente alla crescita di Fratelli d’Italia che ormai tallona l’alleato ad una distanza di mezzo punto e punta al posto di primo partito italiano. «Evidentemente stiamo dando fastidio» è stata l’acida dichiarazione di Giorgia Meloni. Addirittura La Russa ha accusato «qualcuno di voler far saltare il centrodestra», cosa in realtà impossibile: i partiti della coalizione – che la legge elettorale peraltro «obbliga» a stare insieme – hanno a portata di mano la vittoria alla prossima tornata politica e, se staranno uniti, riusciranno ad imporre un loro candidato al Quirinale per il dopo Mattarella: non a caso Renzi ha già fatto la prima mossa per trattare con loro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA