Pesca, strappo tra Londra e Parigi. Forza in gioco
Nave della Marina militare francese si dirige verso l’isola di Jersey

Pesca, strappo tra Londra e Parigi. Forza in gioco

Severn e Tamar, Athos e Themis. Nomi che un giorno forse ritroveremo nelle note dei libri dedicati alla teoria d’Europa. Sono quelli delle navi militari che il Regno Unito (le prime due) e la Francia hanno mandato a pattugliare le acque intorno all’isola di Jersey, che è assai vicina alle coste francesi (14 miglia nautiche, circa 22 chilometri) ma, essendo una dependence del Regno, è difesa e rappresentata a livello internazionale dai britannici. Per spingere due Paesi europei, e due membri della Nato, a guardarsi così in cagnesco, vien da pensare che serva un contenzioso davvero importante. Si può quindi restare un poco delusi nell’apprendere che il tutto nasce da una disputa sui diritti di pesca, attività che per il Regno Unito rappresenta poco più dell’1% del Pil. Il che, passato il primo attimo di smarrimento, fa subito pensare che ci sia qualcosa sotto. Come in effetti è.

Intanto, siamo nella scia di quello scossone epocale chiamato Brexit. La questione della pesca è stata una delle ultime a venire sbrogliata. E come il problema del confine tra Irlanda del Nord e Repubblica d’Irlanda, molto male. In sostanza: gli inglesi volevano a tutti i costi riaffermare il controllo sulle proprie acque territoriali (quelle intorno a Jersey, nel caso) ma non potevano pretendere di bloccare attività consolidate, nello specifico quelle dei pescatori francesi. Il compromesso è stato: voi francesi potete ancora pescare da noi ma dimostrando che avevate una presenza «storica» in queste acque e sottostando a certe condizioni.

Appunto. Le condizioni sono state enunciate pochi giorni fa, hanno previsto norme a sorpresa (limiti alla quantità del pescato e ai tipi di reti da usare) e hanno prodotto questo effetto: 344 domande presentate, 41 accolte. Una beffa per i pescatori francesi, anche perché il tratto di Manica più pescoso, quello appunto di Jersey, è appena fuori dalle loro acque territoriali, che si estendono per 12 miglia dalla costa. Da qui la decisione di picchettare l’isola con le barche, cosa che ha spinto Downing Street a mandare le navi e l’Eliseo a rispondere con le sue.

© RIPRODUZIONE RISERVATA