Ubi, qualità riconosciuta Serve attenzione

Ubi, qualità riconosciuta
Serve attenzione

La notizia della mossa di Intesa Sanpaolo su Ubi Banca ha sorpreso positivamente i mercati, è un riconoscimento della qualità del target, non è scevra da qualche elemento di criticità. La commentiamo come se il suo esito finale fosse scontato, ma ovviamente da qui alla conclusione qualche elemento di incertezza potrebbe manifestarsi. Essere oggetto dell’offerta di acquisto da parte del principale gruppo bancario italiano, e fra i primi in Europa, è un titolo di merito, non un insuccesso. Per la sua strategia di crescita Intesa punta sulla carta migliore del mazzo, lasciando perdere altre possibili occasioni magari più facili e meno costose ma, proprio per questo, di minor pregio. Una scelta che premia la storia di qualità e di solidità del Gruppo Ubi che ha avuto nella Banca Popolare di Bergamo il fulcro dello sviluppo e la nota caratterizzante.

L’operazione annunciata lunedì sera da Carlo Messina ha due pregi: è un’operazione di mercato pura e semplice, frutto cioè di una proposta a tutti gli azionisti che saranno liberi di accettarla o no; ha un grande senso industriale perché espande i volumi del gruppo milanese portando quei vantaggi che oggi ci si aspetta dalla grande dimensione: maggiore efficienza operativa attraverso le economie di scala e la possibilità di fare grandi investimenti nell’innovazione tecnologica. L’aggregazione è conforme anche agli indirizzi della vigilanza europea, da tempo impegnata a ridurre quella che giudica, a torto o a ragione, l’ipertrofia del sistema bancario europeo, non solo italiano.

Tutto bene dunque? Qualche ombra c’è, o almeno qualche elemento di riflessione. Partiamo dall’aspetto più venale: il prezzo. Un premio un po’ al di sotto del 30% delle quotazioni correnti si colloca nella fascia bassa dell’intervallo consueto. Inoltre è stato in parte eroso dal balzo che il titolo Ubi ha fatto a seguito della presentazione del piano industriale. Evidentemente un piano apprezzato dal mercato anche se non presentava guizzi o traguardi roboanti, o forse apprezzato proprio per questo, a dimostrazione della vitalità della banca e del suo potenziale di crescita. La proposta poteva essere più generosa e magari poteva contemplare un componente in denaro, anziché essere pagata tutta in azioni, soprattutto per essere attrattiva verso i tantissimi piccoli risparmiatori. Ma a decidere l’esito dell’operazione saranno ovviamente i grandi fondi di investimento, in maggior parte stranieri, che da tempo hanno creduto nell’istituto di piazza Vittorio Veneto e che sono attenti più al controvalore e meno alla composizione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA